Faq legale
26 Gennaio 2014

Quali sono le informazioni tutelate dalla legislazione sulla Privacy?

Scarica il pdf

Il D. lgs 30.6.2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali, detto codice sulla privacy), che a far data dal 1.1.2004 ha sostituito la legge n. 675/96 e molte altre disposizioni di legge e di regolamento in materia, definisce DATI PERSONALI qualsiasi informazione relativa a persona fisica, giuridica, ente o associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale. La categoria di “dato personale” è pertanto assai generica ricomprendendo in essa ogni forma di informazione che sia riferibile a persone fisiche o enti.
È impossibile un’elencazione esaustiva di ciò che può essere inteso come “dato personale”, forniamo di seguito alcuni esempi dei più comuni:
· Nome, cognome, denominazione, ragione sociale
· Indirizzo di residenza, domicilio, dimora, sede
· Età
· Stato civile
· Utenze e traffico telefonico o di fax
· E-mail
· ICQ number
· Password
· PIN code
· Codici di accesso
· Numeri di identificazione
· File di LOG e Cookies (da essi infatti si possono ad esempio desumere informazioni relative alle visite fatte da un utente a specifici siti Internet)
· Informazioni sull’istruzione
· Informazioni sull’attività lavorativa
· Informazioni sulla condizione economica
· Suoni e immagini se da esse risultano informazioni su una determinata persona (tipo le riprese delle videocamere di sorveglianza)
Una ulteriore particolare tutela è riservata a quei dati personali cosiddetti SENSIBILI di cui all’articolo 22 della l. n. 675/1996, vale a dire dati idonei a rivelare:
· l’origine razziale ed etnica
· le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere
· le opinioni politiche
· l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale
· i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale per essi infatti è necessario che l’autorizzazione al consenso sia data per iscritto.
Ulteriori particolari restrizioni sono poi garantite anche per i DATI GIUDIZIARI.
In alcuni casi il titolare che gestisce i dati personali è tenuto a notificare al Garante il trattamento cui intende procedere (art. 37 del Codice).
Chi assume essere stato leso in ordine al trattamento dei dati personali può proporre reclamo, segnalazione o ricorso al Garante oppure adire l’Autorità Giudiziaria.
Oltre al risarcimento del danno sono previste particolari sanzioni amministrative. Per un illecito trattamento dei dati, per falsità nelle comunicazioni e omissione delle misure di sicurezza, sono previste anche sanzioni penali sino a 3 anni di reclusione e pene pecuniarie sino a 50.000 Euro.

Articoli correlati
22 Ottobre 2021
Emergenza Coronavirus: la rinuncia ai crediti per canoni scaduti vale come riduzione dei ricavi.

Come deve essere qualificata la rinuncia a crediti relativi a canoni di affitto...

22 Ottobre 2021
Credito d’imposta per botteghe e negozi: no se l’attività poteva rimanere aperta.

L'Agenzia delle Entrate ha espresso il proprio parere riguardo ad una questione relativa...

22 Ottobre 2021
Partite Iva con riduzione del volume d’affari: le regole della definizione agevolata delle comunicazioni di irregolarità.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 18 ottobre 2021, è...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto