NULL
Altre Novità
14 Novembre 2014

Sentenze nei giudizi di appello nei confronti delle pronunce del Giudice di Pace: si applica l’esenzione dall’imposta di registro

Scarica il pdf

Nella Risoluzione n. 97 del 10 novembre 2014, l’Agenzia delle Entrate ha fornito dei chiarimenti in merito alla tassabilità ai fini dell’imposta di registro delle sentenze emesse a seguito di appello nei confronti delle pronunce del Giudice di Pace.

L’Agenzia delle Entrate ha, in primo luogo, ricordato una propria precedente Risoluzione del 18 aprile 2011, nella quale aveva già fornito alcuni chiarimenti in merito all’applicazione del regime di esenzione dall’imposta di registro e di bollo previsto dall’articolo 46 della Legge n. 374 del 21 novembre 1991. In base a tale disposizione, le cause e le attività conciliative in sede non contenziosa il cui valore non eccede l’importo di 1.033,00 Euro, e gli atti ed i provvedimenti ed esse relativi, sono soggetti soltanto al contributo unificato.

Nella Risoluzione del 2011 veniva precisato che il regime di esenzione riguardava soltanto gli atti ed i provvedimenti emessi nell’ambito del giudizio dinanzi al Giudice di Pace, e non anche gli atti ed i provvedimenti emessi dal Tribunale ordinario nell’ambito del procedimento di appello avverso i provvedimenti predetti.

Un’interpretazione di tal genere risultava essere pienamente compatibile con l’orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità, secondo il quale le norme che prevedono delle agevolazioni fiscali non sono suscettibili di interpretazione analogica o estensiva.

L’Agenzia delle Entrate ha, però, anche evidenziato che la Corte di Cassazione, in una recente pronuncia del 16 luglio 2014, seguita da altre analoghe sentenze, ha affermato che l’articolo 46 suddetto si riferisce genericamente alle cause ed alle attività conciliative in sede non contenziosa il cui valore eccede i 1.033,00 Euro e, pertanto, l’interprete deve ritenere che il legislatore abbia voluto far riferimento, ai fini dell’esenzione, alle sentenze adottate in tutti i gradi di giudizio.

Secondo la Cassazione, inoltre, la ratio alla base della disposizione che prevede il regime dell’esenzione è quella di alleviare l’utente dal costo del servizio di giustizia per le procedure di valore più modesto.

Pertanto, sempre secondo i Giudici della Cassazione, appare coerente la previsione di una esenzione generalizzata dal pagamento dell’imposta di registro per tutte le sentenze adottate nelle procedure giudiziarie di valore modesto, indipendentemente dal grado di giudizio e dal Giudice adito. La disposizione in questione, quindi, può essere interpretata in tal modo, senza che questo voglia dire che sia oggetto di applicazione analogica o di interpretazione estensiva, ma semplicemente a seguito di un’applicazione nel rispetto del suo lineare e chiaro tenore testuale.

Conseguentemente, l’Agenzia delle Entrate ha ora modificato il proprio orientamento e, nella Risoluzione appena pubblicata, ha affermato che il regime di esenzione previsto dall’articolo 46 della Legge n. 374 del 1991 debba trovare applicazione non soltanto in relazione agli atti ed ai provvedimenti relativi al procedimento dinanzi al Giudice di Pace, ma anche agli atti ed ai provvedimenti emessi dai Giudici ordinari nei successivi gradi di giudizio.

Articoli correlati
21 Giugno 2024
Aggiornamento normativo del modello liquidazioni periodiche Iva

La nuova versione del modulo per le liquidazioni periodiche dell’Iva è stata...

21 Giugno 2024
Imponibile sulle donazioni di quote sociali ai familiari se il controllo già c’è

Per beneficiare dell’agevolazione volta a favorire il passaggio generazionale delle...

21 Giugno 2024
Agevolazioni ufficiali per gli anziani non autosufficienti

Le nuove disposizioni, anche relative alle agevolazioni per gli anziani non...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto