Altre Novità
10 Settembre 2021
3 Minuti di lettura

Fondo per grandi imprese in difficoltà finanziaria: ecco le modalità di accesso.

Scarica il pdf

Con un Decreto del Direttore Generale del Ministero dello Sviluppo Economico del 3 settembre 2021, sono stati forniti chiarimenti ed indicazioni operative riguardo alle modalità e condizioni di accesso al Fondo per il sostegno alle grandi imprese in difficoltà finanziaria istituito dal Decreto “Sostegni” del marzo del 2021.

L’istanza di accesso a tale Fondo potrà essere presentata dal 20 settembre 2021 e non oltre il 2 novembre 2021.

La domanda dovrà essere compilata in forma elettronica utilizzando la procedura informatica accessibile dal sito web di Invitalia.

In particolare, la domanda potrà essere presentata dalle grandi imprese operanti in Italia in qualsiasi settore economico, con esclusione del settore bancario, finanziario ed assicurativo, che, alla data di presentazione della domanda di accesso al Fondo, versano in una situazione di temporanea difficoltà finanziaria in relazione all’emergenza sanitaria da Coronavirus e non si trovavano già in situazione di difficoltà. Inoltre, le imprese devono presentare delle concrete e plausibili prospettive di ripresa dell’attività, devono essere regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese, devono avere sede legale ed operativa nel territorio italiano. Non deve trattarsi di imprese che hanno ricevuto e successivamente non rimborsato gli aiuti valutati come illegali ed incompatibili dalla Commissione Europea o di imprese sottoposte a procedure di tipo liquidatorio.

Invitalia provvede ad eseguire un’attività di valutazione della domanda presentata per l’accesso al Fondo entro il termine di 60 giorni dalla presentazione.

Qualora, nel corso dell’attività di valutazione, risulti necessario acquisire ulteriori informazioni, dati o documenti oltre a quelli presentati dall’impresa, Invitalia potrà, per una sola volta, richiederli con una comunicazione scritta alla quale occorrerà dare riscontro entro dieci giorni dal ricevimento. Nel caso di incompletezza delle ulteriori informazioni e della documentazione fornita dall’impresa in sede di riscontro o nel caso in cui l’impresa non dia riscontro alla richiesta nei tempi prescritti, la valutazione avrà esito negativo ed Invitalia comunicherà all’impresa i motivi che determinano il mancato accoglimento della domanda.

La valutazione comprende la verifica della completezza della documentazione presentata; la verifica della sussistenza dei requisiti di accesso; la valutazione del piano aziendale presentato, con riferimento a diversi elementi, come la competenza e la capacità dell’impresa ai fini della realizzazione del piano, la credibilità e fattibilità del piano aziendale, le prospettive di prosecuzione dell’attività, la capacità dell’impresa di rimborsare il finanziamento richiesto alle scadenze previste.

Nel caso in cui la valutazione abbia esito negativo, Invitalia comunica all’impresa che ha presentato la domanda di accesso i motivi che potrebbero determinare il mancato accoglimento della domanda al fine di ricevere eventuali osservazioni. Se le osservazioni inviate dall’impresa non sono ritenute idonee a sanare i profili di criticità rilevati, Invitalia invia una comunicazione di rigetto della domanda.

Nel caso in cui la valutazione abbia esito positivo, la domanda viene sottoposta agli organi deliberativi di Invitalia che adottano la delibera di ammissione al finanziamento del Fondo.

La delibera di ammissione prevede la concessione di un finanziamento agevolato della durata massima di cinque anni e di un importo massimo di 30 milioni di Euro. L’importo massimo può essere incrementato nel caso in cui al sostegno del piano aziendale partecipino con proprie risorse anche la Regione interessata dal piano o altre Amministrazioni o enti.

Si precisa che Invitalia è l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa che si occuperà della gestione del Fondo introdotto per questi finanziamenti. Il Ministero dello Sviluppo Economico agirà attraverso tale Fondo.

Articoli correlati
17 Settembre 2021
La costituzione della start-up innovativa

La costituzione della start-up innovativa: necessario l’intervento del notaio? Il...

17 Settembre 2021
Contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Sostegni bis: più tempo per presentare la dichiarazione dei redditi.

Con un Comunicato Stampa del 6 settembre 2021, il Ministero dell'Economia e delle...

17 Settembre 2021
Credito d’imposta per locazioni non abitative: nuovo modello per la comunicazione della cessione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 7 settembre 2021 sono...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto