Altre Novità
6 Febbraio 2015

Esenzione Imu per i terreni agricoli montani: i chiarimenti del Dipartimento delle Finanze

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 2 del 3 febbraio 2015, il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fornito alcuni chiarimenti riguardo all’Imu per i terreni agricoli.

La necessità di chiarimenti è sorta, in particolare, a seguito dell’emanazione del Decreto Legge n. 4 del 24 gennaio 2015, nel quale sono stati definiti i nuovi criteri per l’applicazione dell’esenzione dall’Imu con riferimento ai terreni agricoli montani.

Il Dipartimento delle Finanze ha ricordato che l’esenzione in questione si applica a tutti i terreni agricoli ed a quelli non coltivati ubicati nei Comuni classificati come totalmente montani ed indicati nell’elenco dei Comuni italiani predisposto dall’Istat. In questo caso, l’esenzione si applica a tutti i terreni, indipendentemente dalla qualifica soggettiva del possessore.

Inoltre, l’esenzione dall’Imu trova applicazione con riferimento ai terreni agricoli ed a quelli non coltivati posseduti e condotti dai coltivatori diretti o dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei Comuni classificati come parzialmente montani. In questo caso, è richiesta una particolare qualifica soggettiva del possessore affinché venga applicata l’esenzione. I terreni posseduti da soggetti diversi, come i cosiddetti rentiers, non sono esenti.

Al secondo comma dell’articolo 1 del Decreto Legge n. 4 del 2015, però, è prevista un’estensione del beneficio fiscale: l’esenzione relativa ai terreni agricoli parzialmente montani, infatti, riguarda anche i terreni che sono concessi in comodato o in affitto a coltivatori diretti e ad imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola. In questo caso, ha precisato il Dipartimento delle Finanze, è indispensabile che anche il soggetto che concede il terreno in comodato o in affitto sia egli stesso un coltivatore diretto o un imprenditore agricolo professionale iscritto alla previdenza agricola. Quindi, il concedente deve possedere e condurre almeno un altro terreno.

Infatti, la disposizione di estensione dell’esenzione Imu, secondo quanto precisato nella Risoluzione, deve necessariamente essere oggetto di una interpretazione letterale. A tal proposito, la stessa Corte di Cassazione ha affermato che le agevolazioni in materia tributaria non possono implicare un’interpretazione analogica o estensiva, così da farvi comprendere ipotesi non espressamente previste.

Riguardo all’aliquota da applicare nella determinazione dell’Imu dovuta dai contribuenti in quei Comuni nei quali i terreni agricoli non sono più oggetto di esenzione, il Dipartimento delle Finanze ha ricordato che occorre fare riferimento a quanto disposto al comma 692 dell’articolo 1 della Legge n. 190 del 23 dicembre 2014. In tali Comuni, l’imposta deve essere determinata, per l’anno 2014, tenendo conto dell’aliquota base, a meno che in tali Comuni non siano state approvate delle specifiche aliquote per i terreni agricoli.

Nella Risoluzione, sono state riportate anche la disposizione del Decreto Legge n. 4 del 2015 che prevede che, per il 2014, per i terreni agricoli che, in base al Decreto del 28 novembre 2014, erano esenti e che non lo sono più in base ai nuovi criteri, non è comunque dovuta l’Imu, e la disposizione del medesimo Decreto n. 4/2015 che prevede l’esenzione Imu, sempre per l’anno 2014, per i terreni a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile ed inusucapibile che non erano già esenti in base al Decreto del 28 novembre 2014.

Infine, il Dipartimento delle Finanze ha precisato che i contribuenti che hanno effettuato versamenti dell’Imu per terreni che, sulla base dei precedenti criteri, erano imponibili e che, invece, risultano esenti in base ai nuovi criteri, hanno diritto a richiedere il rimborso di quanto versato o ad effettuare la compensazione, se il Comune ha previsto tale facoltà, con un proprio regolamento.

Articoli correlati
11 Giugno 2021
Decreto Sostegni bis: al via nuovi contributi a fondo perduto.

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 maggio 2021 ed è entrato in vigore...

11 Giugno 2021
Decreto Sostegni bis: aiuti per le attività chiuse, proroga credito d’imposta per locazioni non abitative e riduzioni Tari.

Ecco nuove ed ulteriori misure introdotte con il cosiddetto Decreto "Sostegni...

11 Giugno 2021
Dichiarazione dei redditi 2021: chiarimenti sulla compilazione in caso di indennità di disoccupazione percepita nel 2020.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo alla compilazione della...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto