NULL
Altre Novità
1 Aprile 2016

Credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno: approvato il modello per richiederlo

Scarica il pdf

Con un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 24 marzo 2016, è stato approvato il modello per la comunicazione da presentare per richiedere il credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, istituito dalla Legge di Stabilità per il 2016.

Il modello in questione deve essere utilizzato dai titolari di reddito d’impresa che intendono beneficiare del credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi da destinare a strutture produttive situate nelle Regioni della Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e nella zone assistite delle Regioni del Molise, Sardegna ed Abruzzo.

Il credito d’imposta è previsto per gli investimenti effettuati a partire dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2019, connessi ad un progetto di investimento iniziale, per l’acquisto, anche tramite contratti di locazione finanziaria, di macchinari, impianti ed attrezzature destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio.

Nel Provvedimento, è ricordato che l’agevolazione non trova applicazione nei settori:

  • dell’industria siderurgica,
  • dell’industria carbonifera,
  • della costruzione navale,
  • delle fibre sintetiche,
  • dei trasporti e delle relative infrastrutture,
  • della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche,
  • creditizio, finanziario ed assicurativo.

L’agevolazione non trova applicazione neanche con riferimento alle imprese in difficoltà (secondo la definizione contenuta nella comunicazione della Commissione Europea del 31 luglio 2014).

Il modello per la richiesta di accesso al credito d’imposta è reperibile gratuitamente sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. Può essere presentato all’Agenzia delle Entrate esclusivamente per via telematica, direttamente o dai soggetti incaricati alla presentazione per via telematica delle dichiarazioni dei redditi.

Il periodo di tempo in cui è possibile presentare la comunicazione in questione è tra il 30 giugno 2016 ed il 31 dicembre 2019.

La trasmissione deve essere effettuata tramite il software denominato “Creditoinvestimentisud” disponibile gratuitamente sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Qualora venga riconosciuto il credito d’imposta, questo potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione mediante modello F24, presentato tramite i servizi telematici Fisconline o Entratel, dal quinto giorno successivo alla data di rilascio della ricevuta attestante la fruibilità del credito d’imposta.

Qualora l’invio della comunicazione sia stato effettuato da un soggetto incaricato alla trasmissione telematica, quest’ultimo dovrà rilasciare al richiedente una copia cartacea della comunicazione e della ricevuta rilasciata dall’Agenzia delle Entrate dalla quale risulta l’avvenuta ricezione. La comunicazione, sottoscritta sia dal richiedente che dal soggetto incaricato alla trasmissione, dovrà essere conservata dal richiedente.

Il Centro Operativo di Cagliari si occuperà di tutti gli adempimenti connessi alla gestione della comunicazione.

Infine, l’Agenzia delle Entrate trasmetterà al Ministero dello Sviluppo Economico le comunicazioni pervenute, con riferimento alle quali è stata rilasciata una ricevuta di ricezione con esito positivo.

Il Ministero dello Sviluppo Economico e le Regioni interessate determineranno i requisiti e le modalità per l’individuazione dei contribuenti che potranno fruire di tale credito d’imposta.

Articoli correlati
26 Novembre 2021
Quando si può parlare di commercio elettronico indiretto e quali sono i relativi obblighi di certificazione?

Commercio elettronico indiretto ed obblighi di certificazione. A presentare l'istanza...

26 Novembre 2021
Eredi del professionista: quali sono gli obblighi Iva da adempiere?

Nel caso di morte del professionista, quali sono gli adempimenti Iva a carico degli...

26 Novembre 2021
Subentro nella locazione della casa del portiere: si può optare per la cedolare secca.

Il quesito posto all'Agenzia delle Entrate riguarda l'applicabilità della cedolare...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto