Altre Novità
6 Marzo 2015

Crediti d’imposta in favore delle imprese che operano nei settori dell’agricoltura e della pesca: le regole in due decreti interministeriali

Scarica il pdf

Con un Decreto interministeriale del 13 gennaio 2015, adottato dal Ministro delle attività agricole, alimentari e forestali di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico ed il Ministro dell’Economia e delle Finanze, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 febbraio 2015, è stata regolata la concessione del credito d’imposta per le spese per nuovi investimenti sostenuti per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie e per la cooperazione di filiera, nell’ambito di reti di imprese che producono prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura.

Il credito d’imposta era stato previsto dall’articolo 3, comma 3, del Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014, convertito dalla Legge n. 116 dell’11 agosto 2014.

All’articolo 3 del Decreto Interministeriale sono state individuate le spese che possono beneficiare dell’agevolazione. Si tratta, dei costi per attività di consulenza ed assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni all’aggregazione in rete, per la costituzione della rete medesima, per la redazione del programma di rete e per lo sviluppo del progetto; dei costi in attivi materiali per la costruzione, acquisizione o miglioramento di beni immobili e per l’acquisto di materiali ed attrezzature; costi per tecnologie e strumentazioni hardware e software funzionali al progetto di aggregazione in rete; costi di ricerca e sperimentazione; costi per l’acquisizione di brevetti, licenze, diritti di autore e marchi commerciali; costi per la formazione dei titolari di azienda e del personale dipendente impiegato nell’attività di progetto; costi per la promozione sul territorio nazionale e sui mercati internazionali dei prodotti della filiera; costi per la comunicazione e la pubblicità riferiti alle attività della rete.

Gli investimenti agevolabili devono essere effettuati nel periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2014 e nei due successivi.

Sono, poi, individuate specificamente le misure del credito d’imposta e le modalità di richiesta dell’agevolazione.

Inoltre, all’articolo 5 del Decreto è precisato che l’importo del credito d’imposta riconosciuto deve essere indicato da ciascuna impresa nella propria dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in riferimento al quale è concesso il beneficio.

Il credito d’imposta in questione non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’Irap.

E’, inoltre, utilizzabile soltanto in compensazione, tramite modello F24, che deve essere presentato necessariamente tramite i servizi telematici offerti dall’Agenzia delle Entrate.

All’articolo 6 del Decreto, poi, sono precisate le cause di decadenza o di revoca del credito d’imposta.

Un ulteriore aiuto in favore delle imprese che operano nel medesimo ambito è stato, inoltre, regolato da un Decreto interministeriale, anch’esso adottato il 13 gennaio 2015 dal Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze ed il Ministro dello Sviluppo Economico, ed anch’esso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 febbraio 2015.

Con questo secondo Decreto, è stata disciplinata la concessione di un credito d’imposta per le spese per nuovi investimenti sostenuti per la realizzazione e l’ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico, in favore, ancora una volta, delle imprese che producono prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura.

Le spese agevolabili sono quelle relative a dotazioni tecnologiche, software, progettazione ed implementazione, sviluppo database e sistemi di sicurezza.

Le regole sono analoghe a quelle previste dal primo Decreto interministeriale.

La misura del credito d’imposta è meglio specificata all’articolo 3 del provvedimento.

Articoli correlati
24 Settembre 2021
L’oggetto sociale della start-up innovativa.

I requisiti richiesti dalla legge. Per ottenere la qualifica di start-up innovativa...

24 Settembre 2021
Immobili in corso di definizione: ammesso il Superbonus a certe condizioni.

Nuovi chiarimenti sull'applicazione del Superbonus. Il contribuente istante è...

24 Settembre 2021
Detassazione per contributi ed indennità per emergenza Coronavirus.

Il nuovo quesito affrontato dall'Agenzia delle Entrate riguarda il corretto trattamento...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto