Al via il Decreto Milleproroghe per il 2021

Al via il Decreto Milleproroghe per il 2021: proroghe per benefici prima casa, imposta sui servizi digitali e tax credit vacanze

Con Legge del 26 febbraio 2021, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 1° marzo 2021, è stato convertito in legge il cosiddetto “Decreto Milleproroghe” del 31 dicembre 2020 (Decreto Legge n. 183 del 2020).

Tra le diverse proroghe previste dal provvedimento, mettiamo qui in evidenza:

  • la proroga al 31 dicembre 2021 della sospensione dei termini relativi alle agevolazioni “prima casa” (articolo 3, comma 11-quinquies, del Decreto Legge n. 183 del 31.12.2020). Il Decreto “Liquidità” aveva già disposto la sospensione di tali termini fino al 31 dicembre 2020. Si tratta, ad esempio, del termine di 18 mesi entro il quale l’acquirente dell’immobile deve trasferire la sua residenza nel Comune nel quale è situata l’abitazione acquistata; del termine di 12 mesi per l’acquisto di una nuova abitazione dopo la vendita infraquinquennale dell’immobile acquistato con le agevolazioni “prima casa”; del termine di 12 mesi entro il quale l’acquirente che abbia acquistato un immobile da adibire ad abitazione principale debba procedere alla vendita dell’abitazione acquistata con i benefici “prima casa” ancora in suo possesso.
  • la proroga al 31 dicembre 2021 della possibilità di fruire del “tax credit vacanze” previsto dal Decreto “Rilancio” del maggio del 2020 (articolo 7, comma 3-bis del Decreto Legge n. 183 del 31.12.2020).
  • la proroga fino al 30 giugno 2021 della possibilità di fruire del credito d’imposta di importo pari al 50 % dei costi di costituzione o trasformazione in società “benefit” sostenuti fino alla data del 31 dicembre 2020 (articolo 12, comma 1-bis del Decreto Legge n. 183 del 31.12.2020).
  • la proroga delle disposizioni in favore delle popolazioni dei territori dell’Italia centrale colpiti dal sisma del 2016 (articolo 17-ter del Decreto Legge n. 183 del 31.12.2020).
  • la proroga al 16 marzo 2021 del termine per il versamento dell’imposta sui servizi digitali, dovuta per le operazioni imponibili nell’anno 2020, ed al 30 aprile 2021 del termine per la presentazione della relativa dichiarazione (articolo 22-quater del Decreto Legge n. 183 del 31.12.2020).