Altre Novità
10 Ottobre 2014

Agevolazioni prima casa: non si perdono se l’acquirente è anche titolare di una piccola quota di altro immobile

Scarica il pdf

Nell’Ordinanza n. 21289 dell’8 ottobre 2014, la Corte di Cassazione ha riconosciuto che il contribuente poteva beneficiare delle agevolazioni “prima casa”, contrariamente a quanto sostenuto dall’Amministrazione finanziaria e dalla Commissione Tributaria Regionale.

In particolare, il contribuente risultava essere proprietario, al momento dell’acquisto dell’abitazione per la quale aveva usufruito delle agevolazioni “prima casa”, anche di un altro immobile abitativo, per una quota del 5 %, ubicato nel medesimo Comune.

La Cassazione ha ricordato la propria giurisprudenza secondo la quale chi ha il possesso di un’altra casa non idonea all’uso abitativo, sia per circostanze di natura oggettiva (come l’inabitabilità), che di natura soggettiva (come un fabbricato inadeguato per dimensioni o caratteristiche qualitative), può godere ugualmente delle agevolazioni in questione.

Inoltre, l’acquisto di una quota particolarmente esigua di un immobile, non comportando il potere di disporne come abitazione propria, non realizza l’intento abitativo, che è la finalità perseguita dal legislatore, ed è, quindi, sostanzialmente assimilabile alla titolarità di un immobile inidoneo a soddisfare le esigenze abitative.

In più, nel caso di specie il contribuente aveva acquistato l’altro immobile in epoca antecedente al matrimonio, insieme alla futura moglie, e successivamente aveva comunque optato per il regime della separazione dei beni.

La normativa in materia di agevolazioni “prima casa” prevede che l’acquirente deve inserire nel contratto la dichiarazione di non essere titolare esclusivo o in comunione legale con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso ed abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del Comune nel quale è situato l’immobile da acquistare.

Pertanto, la Corte di Cassazione ha evidenziato che soltanto la comunione legale tra i coniugi ostacola l’applicazione dell’agevolazione fiscale. La titolarità di una quota di un appartamento in comunione, invece, non preclude il beneficio.

La Cassazione ha, ancora una volta, ribadito che la facoltà di usare il bene comune non consente di destinare la casa comune ad abitazione di uno solo dei comunisti. Quindi, la titolarità di una quota è una condizione simile a quella della titolarità di un immobile inidoneo a soddisfare le esigenze abitative dell’acquirente, compatibile con le agevolazioni “prima casa”.

La pronuncia impugnata dal contribuente è stata, pertanto, cassata e la causa è stata decisa nel merito, con l’accoglimento del ricorso introduttivo del contribuente.

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto