Studi di settore: firmato il protocollo d’intesa tra governo e categorie

Il ministro dello Sviluppo economico e il viceministro dell’Economia hanno firmato il 14 dicembre un importante protocollo con i rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna e Casartigiani.

Con questo accordo, che aggiorna quello sottoscritto nel 1996, il Governo, già a partire dalla Finanziaria 2007, si impegna a:

  • superare la valenza fiscale dello scontrino attuando un sistema telematico di comunicazione dei corrispettivi;
  • introdurre un premio sull’accertamento induttivo per i soggetti congrui e coerenti;
  • innalzare a 7,5 milioni di euro il limite dei ricavi per l’applicazione degli studi;
  • prevedere criteri di affinamento degli indici di territorialità;
  • favorire la neutralità fiscale dei trasferimenti a titolo gratuito delle aziende tra familiari e soci;
  • rendere disponibili la banca dati sugli studi in possesso dell’Amministrazione finanziaria;
  • sostenere il sistema delle micro, piccole e medie imprese, con incentivi allo sviluppo, e all’innovazione.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale