Altre Novità
28 Luglio 2012

Somme dovute all’Amministrazione dei monopoli di Stato a seguito di accertamento con adesione: istituiti i codici tributo.

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 77 del 20 luglio 2012, l’Agenzia delle Entrate ha istituito diversi codici tributo da utilizzare per effettuare il versamento, tramite modello F24 Accise, delle somme dovute all’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato a titolo di imposta unica dei concorsi pronostici e delle scommesse ed a titolo di interessi, anche sugli importi rateizzati, e di sanzioni.

Si tratta delle somme dovute dai concessionari dei giochi pubblici che hanno sottratto base imponibile all’imposta unica sui concorsi pubblici e le scommesse e che hanno presentato istanza di accertamento con adesione.

I codici in questione devono essere inseriti nella sezione “Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione” del modello F24 Accise, in corrispondenza della colonna “importi a debito versati”.

Inoltre, devono essere indicati: nel campo “ente” la lettera M; nel campo “provincia” la sigla della Provincia nella quale ha sede l’Ufficio dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato che ha emesso l’atto di accertamento; nel campo “codice identificativo”, il codice concessione; nel campo “rateazione”, se il versamento viene effettuato in forma rateale, il numero della rata composto da una prima parte costituita dal numero della rata in pagamento e da una seconda parte costituita dal numero complessivo delle rate (se il pagamento è in un’unica soluzione deve essere inserito il codice “0101”); nel campo “anno di riferimento”, l’anno d’imposta al quale si riferisce la violazione contestata; nel campo “codice atto”, il codice dell’atto oggetto di definizione, assegnato dall’Ufficio emittente.

Infine, il campo “mese” deve rimanere vuoto.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto