Altre Novità
23 Giugno 2012

Somme dovute ai Comuni a titolo di sanzione in caso di violazione delle norme sulla sicurezza degli impianti: istituito un codice identificativo ed un codice tributo.

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 67 del 21 giugno 2012, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice ente “COM“, identificativo dell’ente “Comune”. L’istituzione di tale codice si è resa necessaria al fine di consentire agli agenti della riscossione una corretta e puntuale rendicontazione ai Comuni delle somme riscosse a titolo di sanzione.

Si tratta delle sanzioni dovute in caso di violazione degli obblighi in materia di sicurezza degli impianti posti all’interno degli edifici. Le somme in questione devono essere versate mediante modello F23, con l’indicazione del codice tributo “741T”, denominato “Multe inflitte dalle Autorità giudiziarie ed amministrative – oblazioni”.

Il codice identificativo dell’ente Comune deve essere inserito nel campo 6 “codice ufficio o ente”, evidenziando, nel campo 7 “codice territoriale”, il codice catastale del Comune che ha irrogato le sanzioni.

Con la medesima Risoluzione del 21 giugno 2012 è, altresì, istituito il codice tributo da utilizzare per il recupero delle spese previste dall’articolo 16 della Legge n. 689 del 24 novembre 1981. Il codice in questione è “9V9T” e deve essere inserito nel campo 11 “codice tributo” del modello F23, evidenziando, nel campo 14 “codice destinatario”, il codice catastale del Comune beneficiario delle somme.

Nella Circolare, infine, è precisato che per una corretta imputazione contabile delle somme riscosse con il codice tributo suddetto e per una puntuale rendicontazione delle somme medesime, i Comuni beneficiari dovranno comunicare agli agenti della riscossione gli estremi dei conti correnti comunali necessari per il successivo riversamento delle somme in questione.

Rimangono invariate, invece, le indicazioni fornite agli agenti della riscossione per il riversamento delle somme versate tramite il codice tributo “741T”.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
14 Maggio 2021
Rimborsi per spese sostenute da lavoratori in smart working: tassabili se non collegati a criteri oggettivi.

L'Agenzia delle Entrate si è pronunciata nuovamente riguardo alla tassabilità dei...

14 Maggio 2021
Attestazioni rilasciate a medici che chiedono un indennizzo per isolamento da Covid: sì all’imposta di bollo.

Nuova questione affrontata dall'Agenzia delle Entrate. Si tratta dell'applicabilità...

14 Maggio 2021
Interventi in aree per fiere e convegni: quando è ammesso il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro?

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta a fornire nuovi chiarimenti riguardo...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto