Altre Novità
6 Aprile 2007

Ribadito il divieto di sottoscrizione da parte dei commercialisti e ragionieri delle denunce al REA

Scarica il pdf

Il Ministero dello sviluppo economico con proprio Parere del 28 marzo 2007, n. 3250, ha ribadito il divieto per i dottori commercialisti e ragionieri di sottoscrivere le denuncie, da presentare al repertorio delle notizie economiche e amministrative (REA), relative ai propri clienti, anche se espressamente incaricati da questi ultimi.

L’art. 31, comma 2, Legge n. 340/2000, stabilisce infatti che tali adempimenti devono essere sottoscritti direttamente dagli obbligati legittimari, ovvero i titolari o rappresentanti dell’impresa di cui si chiede la variazione.

Tale interpretazione, già ribadita nella recente Risoluzione 13 febbraio 2007, n. 1657, consente comunque di presentare mediante la sola sottoscrizione del commercialista o ragioniere, incaricato dal legale rappresentante della società, gli atti di cui all’art. 2435, C.c., ovvero il deposito del bilancio, il verbale di approvazione dello stesso e l’elenco dei soci.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
14 Maggio 2021
Rimborsi per spese sostenute da lavoratori in smart working: tassabili se non collegati a criteri oggettivi.

L'Agenzia delle Entrate si è pronunciata nuovamente riguardo alla tassabilità dei...

14 Maggio 2021
Attestazioni rilasciate a medici che chiedono un indennizzo per isolamento da Covid: sì all’imposta di bollo.

Nuova questione affrontata dall'Agenzia delle Entrate. Si tratta dell'applicabilità...

14 Maggio 2021
Interventi in aree per fiere e convegni: quando è ammesso il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro?

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta a fornire nuovi chiarimenti riguardo...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto