Rateizzazione del canone RAI per i pensionati. Modalità di attuazione

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 29 settembre 2010, è stata data attuazione all’art. 38, comma 8, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, il quale prevede, a favore dei pensionati, la possibilità del pagamento del canone di abbonamento RAI in un massimo di undici rate, trattenute direttamente dall’ente pensionistico.

In primo luogo, il Direttore dell’Agenzia ha chiarito che la rateizzazione può essere applicata anche ai titolari di prestazioni pensionistiche di natura assistenziale, come l’assegno sociale e di invalidità civile, erogate dagli enti pensionistici.

Il reddito di pensione non deve superare i 18.000 Euro, nell’anno precedente a quello nel quale il pensionato effettua la richiesta di rateizzazione. La richiesta deve essere presentata entro il 15 novembre dell’anno precedente a quello al quale si riferisce l’abbonamento RAI annuale.

Nel Provvedimento sono, altresì, precisati gli adempimenti a cui sono tenuti gli enti pensionistici in relazione al versamento all’erario delle somme trattenute ed alla certificazione da rilasciare ai pensionati interessati dalla rateizzazione.

Sono, infine, specificate le regole da applicare qualora si verifichino particolari situazioni di cessazione dell’erogazione del trattamento pensionistico o di incapienza della pensione. 

 

Articolo pubblicato in data 4 ottobre 2010.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale