NULL
Altre Novità
4 Agosto 2008

Legittimo l’accertamento basato su pagamenti in contante

Scarica il pdf

Con Sentenza 18 luglio 2008, n. 19902, la Corte di Cassazione ha disposto che l’accertamento induttivo nei confronti di un’azienda è legittimo qualora abbia effettuato pagamenti in contanti, nonostante non abbia disponibilità di cassa.

Secondo i giudici, infatti, in presenza di elementi che dimostrino la disponibilità di somme non contabilizzate da parte di un’impresa, ossia di una contabilità non corrispondente alle reali movimentazioni finanziarie, è lecito presumere l’esistenza di un maggior reddito imponibile rispetto a quello dichiarato.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
14 Giugno 2024
Consultazione delle e-fatture senza adesione esplicita

Dal 20 marzo, l'acquisizione e consultazione delle e-fatture diventa più semplice per...

14 Giugno 2024
Per le finiture delle case antisismiche c’è tempo anche dopo il rogito

Per ottenere la detrazione, al momento della compravendita sono necessarie le...

14 Giugno 2024
Aggiornamento Catasto dei Fabbricati (Docfa)

Il Docfa (Documento Catasto FAbbricati) è un atto di aggiornamento predisposto da...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto