Altre Novità
12 Febbraio 2011

La sospensione del credito prevista da un Decreto Legge puo’ legittimamente impedire la compensazione: sentenza della Cassazione.

Scarica il pdf

Con la Sentenza n. 2221 del 31 gennaio 2001, la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate, negando la legittimità della compensazione, operata da una società a responsabilità limitata, di un credito d’imposta per investimenti nelle aree svantaggiate (previsto dall’art. 8 della Legge 388 del 2000), compensazione avvenuta nel corso di un periodo nel quale operava, in virtù del Decreto Legge n. 253 del 2002 (non convertito) prima e dell’art. 62 della Legge 289 del 2002 (che ha fatto salvi gli effetti prodottisi ed i rapporti sorti sulla base del Decreto Legge) poi, la sospensione dei crediti d’imposta in questione.

La società aveva sostenuto che la disposizione del Decreto Legge che prevedeva la sospensione dei crediti d’imposta era illegittima, in quanto in contrasto con lo Statuto del contribuente approvato anteriormente alla disposizione medesima (Legge 212 del 2000) e di rango superiore, ed in particolare con quella norma dello Statuto secondo la quale le disposizioni tributarie non possono prevedere adempimenti a carico dei contribuenti, la cui scadenza sia fissata anteriormente al sessantesimo giorno dalla data della loro entrata in vigore (art. 3, comma 2, dello Statuto del contribuente).

La Suprema Corte ha, invece, stabilito la legittimità della sospensione del credito d’imposta introdotta con Decreto Legge, in quanto trattasi di una norma contenuta in una legge ordinaria successiva all’entrata in vigore dello Statuto del contribuente. Inoltre, è stato precisato che le norme dello Statuto del contribuente costituiscono, in quanto espressione di principi già immanenti nell’ordinamento, criteri guida per il giudice nell’interpretazione delle norme tributarie, ma non hanno, nella gerarchia delle fonti, rango superiore alla legge ordinaria.

Le norme dello Statuto del contribuente non possono consentire, di per sè, la disapplicazione della norma tributaria che si ritiene essere in contrasto con le stesse.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto