Altre Novità
4 Giugno 2011

La cartella esattoriale come mezzo di impugnazione dell’iscrizione a ruolo.

Scarica il pdf

La Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 11736 del 27 maggio 2011, ha evidenziato come il ruolo, anche se atto interno dell’amministrazione, costituisce lo strumento fondamentale della riscossione, in quanto contiene l’indicazione del periodo d’imposta al quale l’iscrizione si riferisce, dell’imponibile, dei versamenti e dell’imposta effettivamente dovuta, oltre che degli interessi e delle sanzioni pecuniarie eventualmente irrogabili al contribuente.

L’iscrizione a ruolo della somma che l’amministrazione reputa sia dovuta dal contribuente, rappresenta, quindi, il valido e legittimo titolo per la riscossione dei tributi.

Si deve allora affermare che l’obbligo di pagamento a carico del contribuente viene ad esistenza già con la formazione del ruolo, che prepara all’esecuzione esattoriale. La cartella di pagamento costituisce, invece, lo strumento mediante il quale la pretesa esattoriale viene portata a conoscenza del debitore d’imposta. Quest’ultimo solo a seguito della notifica della cartella esattoriale viene posto nelle condizioni di impugnare sia tale atto impositivo a valle, sia il titolo per la riscossione a monte, ossia il ruolo, ordinario o straordinario.

La conclusione alla quale è giunta la Suprema Corte è, quindi, che la cartella esattoriale, contrariamente a quanto era stato sostenuto nel caso concreto dall’Agenzia delle Entrate, più che costituire l’atto che dà vita al rapporto obbligatorio tra l’amministrazione ed il contribuente, integra l’unico valido strumento per impugnare, anche l’iscrizione a ruolo. La contestazione dell’iscrizione può avvenire, pertanto, solo tramite l’impugnazione della cartella esattoriale.

 

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto