Altre Novità
12 Gennaio 2008

L’uso di anestetico da parte dei dentisti è indice di reddito: Sentenza della Corte di Cassazione

Scarica il pdf

Con Sentenza 20 dicembre 2007, n. 26838, la Corte di Cassazione si è espressa in materia di accertamento induttivo.

Nel caso specifico, le indagini effettuate dalla Guardia di Finanza sulla contabilità di un odontoiatra dell’Asl che esercitava anche privatamente evidenziavano un uso di anestetico sproporzionato rispetto al numero di interventi fatturati. Utilizzando il consumo di anestetico come indice di redditività, l’Amministrazione finanziaria richiedeva il versamento degli arretrati IRPEF.

A conclusione del contenzioso con il contribuente, i giudici hanno disposto che l’accertamento induttivo utilizzato dal Fisco e basato sull’utilizzo di anestetico è legittimo; ciò indipendentemente dal fatto che il medico eserciti anche presso un’Asl e attribuisca il consumo del farmaco a tali attività.

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto