Definizione delle liti fiscali pendenti: approvato il modello per la domanda da presentare all’Agenzia delle Entrate.

0 Flares 0 Flares ×

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 13 settembre 2011, è stato approvato, unitamente alle relative istruzioni, il modello di domanda per la definizione delle liti fiscali pendenti, prevista dalla Manovra economica di luglio.

La possibilità di definizione, a seguito del pagamento di determinate somme, riguarda le controversie di valore non superiore a 20.000 Euro, nelle quali è parte l’Agenzia delle Entrate, pendenti alla data del 1° maggio 2011, dinanzi alle Commissioni tributarie o al giudice ordinario, in ogni grado del giudizio e anche a seguito di rinvio.     

Il modello approvato con il Provvedimento in questione sarà disponibile gratuitamente sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate.

La presentazione della domanda di definizione può avvenire per via telematica da parte dei soggetti abilitati oppure mediante consegna presso una Direzione provinciale dell’Agenzia delle Entrate che provvederà alla trasmissione telematica.

E’ stato precisato che la data a partire dalla quale sarà possibile procedere alla compilazione ed alla trasmissione telematica della domanda di definizione verrà resa nota in una successiva comunicazione.

Il versamento delle somme, necessario per la definizione delle controversie, dovrà essere effettuato, distinto per ciascuna lite fiscale, entro il 30 novembre 2011, mediante il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, secondo le indicazioni già fornite dall’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione del 5 agosto 2011. Non sarà possibile applicare la compensazione per queste somme.  

 

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale