Altre Novità
10 Marzo 2012

Credito d’imposta utilizzato indebitamente dalle imprese che investono in Sicilia: istituiti i codici tributo per il recupero.

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 21 del 1° marzo 2012, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il recupero del credito d’imposta indebitamente utilizzato, che è stato concesso alle imprese che effettuano nuovi investimenti nel territorio siciliano, ai sensi della Legge regionale della Sicilia n. 11 del 17 novembre 2009.

In particolare, la Legge regionale suddetta aveva previsto un contributo, nella forma del credito d’imposta, in favore delle imprese operanti nei settori delle attività estrattive, manifatturiere, del turismo e dei servizi, comprese quelle artigiane, che effettuano, entro il 31 dicembre 2013, nuovi investimenti nel territorio siciliano, nei limiti stabiliti dalla legge.

Con una Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate (la n. 118 del 9 dicembre 2011) era stato istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta in questione. Inoltre, con una Convenzione stipulata tra la Regione Sicilia e l’Agenzia delle Entrate, il 17 novembre 2010, erano state disciplinate le attività di gestione delle operazioni di fruizione del credito d’imposta ed era stato previsto il controllo sul corretto utilizzo del credito e l’eventuale recupero del credito medesimo.

I codici tributo istituiti con la Risoluzione del 1° marzo 2012 riguardano, appunto, il recupero suddetto e sono: il codice “3908”, denominato “Credito d’imposta per nuovi investimenti e per la crescita dimensionale delle imprese – Regione Siciliana – L.R. n. 11/2009, e relativi interessi – controllo sostanziale dei presupposti e requisiti di legge”, ed il codice “3909”, denominato “Credito d’imposta per nuovi investimenti e per la crescita dimensionale delle imprese – Regione Siciliana – L.R. n. 11/2009, sanzione – controllo sostanziale dei presupposti e requisiti di legge”.

I codici in questione devono essere inseriti nella sezione “Erario” del modello F24, in corrispondenza delle somme della colonna “Importi a debito versati”. Devono, inoltre, essere indicati obbligatoriamente il “codice ufficio” ed il “codice atto” riportati nel provvedimento di recupero notificato al contribuente. Infine, nel campo “Anno di riferimento”, deve essere indicato l’anno nel quale è effettuato il versamento.   

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto