Corte di Cassazione: distinzione tra lavoro autonomo e lavoro a domicilio

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21954/2007, ha affermato che nel lavoro a domicilio il lavoratore deve essere considerato dipendente visto che è parte integrante del ciclo produttivo pur se opera al di fuori dell’azienda con mezzi ed attrezzature proprie e l’oggetto della prestazione non è l’opera in se ma l’energia lavorativa (obbligazione di mezzi e non di risultato).

Nel lavoro autonomo il prestatore deve possedere una organizzazione distinta, assumere il rischio di impresa e possedere mezzi produttivi e struttura imprenditoriale.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale