NULL
Altre Novità
12 Maggio 2012

Cinque per mille: chiarimenti sulle possibilita’ di regolarizzazione recentemente concesse agli enti del volontariato.

Scarica il pdf

Nella Circolare n. 13 del 4 maggio 2012, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti riguardo alle disposizioni contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 aprile 2012, con il quale sono state introdotte diverse novità in materia di cinque per mille.

In particolare, il provvedimento in questione ha previsto la proroga al 31 maggio 2012 dei termini per l’integrazione della documentazione relativa alle domande di iscrizione presentate dagli enti del volontariato in riferimento agli esercizi finanziari 2009, 2010 e 2011. Inoltre, nel Decreto è stata riconosciuta la validità delle domande di iscrizione presentate entro il 30 giugno 2010, per l’esercizio finanziario 2010, ed entro il 30 giugno 2011, per l’esercizio finanziario 2011, dagli enti del volontariato in possesso dei requisiti per l’accesso al cinque per mille alla data rispettivamente del 7 maggio 2010 e del 7 maggio 2011. Infine, il Decreto ha fissato, a partire dall’esercizio finanziario 2011, la proroga al primo giorno lavorativo successivo dei termini previsti per adempimenti connessi al cinque per mille che scadono di sabato o in un giorno festivo.

Riguardo alla proroga dei termini concessi per l’integrazione documentale delle domande di iscrizione al cinque per mille, questa è stata prevista soltanto a favore degli enti del volontariato che abbiano presentato la domanda di iscrizione secondo le modalità ed entro i termini previsti dalla normativa.

Le irregolarità che possono essere sanate con l’integrazione documentale sono: l’omessa dichiarazione sostitutiva, la mancata allegazione del documento di identità, la mancata sottoscrizione della dichiarazione sostitutiva, l’utilizzo per la dichiarazione sostitutiva di un modulo non conforme a quello approvato o privo delle indicazioni necessarie.

Qualora gli enti suddetti abbiano già presentato una dichiarazione sostitutiva, sia pur tardivamente, e questa sia completa e regolare, non sarà necessario presentare una nuova dichiarazione sostitutiva.

La dichiarazione che dovrà essere presentata per la regolarizzazione dovrà contenere l’attestazione del perdurare del possesso dei requisiti previsti dalla normativa per accedere al beneficio del cinque per mille. Inoltre, dovrà essere sottoscritta dall’attuale rappresentante legale dell’ente e dovrà essere trasmessa (unitamente a copia del documento di riconoscimento del rappresentante legale) tramite raccomandata con avviso di ricevimento, entro il 31 maggio 2012, alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate nel cui territorio si trova il domicilio fiscale dell’ente.

Ogni dichiarazione dovrà riguardare un singolo esercizio finanziario e dovrà essere trasmessa con una comunicazione separata.

Inoltre, come sopra ricordato, nel Decreto dell’aprile 2012 assume importanza il riconoscimento della validità dell’iscrizione, per gli esercizi finanziari 2010 e 2011, degli enti del volontariato in possesso dei requisiti alla data del 7 maggio 2010 e del 7 maggio 2011.

In questi casi, la domanda deve comunque essere stata regolarmente redatta sugli appositi moduli e deve essere stata prodotta per via telematica. Se gli enti in questione hanno già presentato una dichiarazione integrativa completa e regolare, non è necessario effettuare ulteriori adempimenti. Altrimenti è ammessa la regolarizzazione e la dichiarazione sostitutiva dovrà essere trasmessa alla Direzione regionale competente entro il 31 maggio 2012.

Nella Circolare è, altresì, evidenziato che l’Agenzia delle Entrate pubblicherà sul proprio sito Internet due elenchi separati, uno relativo all’esercizio finanziario 2010 ed uno relativo all’esercizio finanziario 2011, dei soggetti per i quali la domanda di iscrizione verrà considerata valida in base alle disposizioni suddette (domanda presentata entro il 30 giugno 2010 ed entro il 30 giugno 2011).

Saranno, inoltre, aggiornati gli elenchi degli enti ammessi ed esclusi dal beneficio del cinque per mille, già pubblicati per gli esercizi finanziari 2009 e 2010, con coloro che abbiano regolarizzato la propria posizione presentando la documentazione integrativa entro il termine previsto. Così come verranno pubblicati gli elenchi degli ammessi e degli esclusi per l’esercizio finanziario 2011 comprensivi di coloro che abbiano regolarizzato la loro posizione.

Infine, è stato precisato che verranno effettuati i necessari controlli per verificare che gli enti che intendono beneficiare della regolarizzazione possiedano ancora le condizioni per beneficiare del contributo del cinque per mille.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
26 Novembre 2021
Quando si può parlare di commercio elettronico indiretto e quali sono i relativi obblighi di certificazione?

Commercio elettronico indiretto ed obblighi di certificazione. A presentare l'istanza...

26 Novembre 2021
Eredi del professionista: quali sono gli obblighi Iva da adempiere?

Nel caso di morte del professionista, quali sono gli adempimenti Iva a carico degli...

26 Novembre 2021
Subentro nella locazione della casa del portiere: si può optare per la cedolare secca.

Il quesito posto all'Agenzia delle Entrate riguarda l'applicabilità della cedolare...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto