Altre Novità
13 Ottobre 2007

Cessata attività: legittimo l’accertamento induttivo

Scarica il pdf

Con Sentenza 3 ottobre 2007, n. 20708, la Corte di Cassazione ha statuito la legittimità dell’accertamento induttivo anche nel caso di cessata attività.

Nel caso di specie, l’Amministrazione finanziaria aveva proceduto all’accertamento induttivo nei confronti di un agente di commercio che avendo cessato l’attività, non aveva presentato la dichiarazione dei redditi. L’accertamento si basava sul fatto che comunque il contribuente possedeva dei beni (automobili) che comunque dovevano essere in qualche modo mantenuti.

Secondo la Cassazione la cessazione dell’attività produttiva non è, per se stesso, elemento sufficiente a rendere inammissibile l’accertamento induttivo.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
17 Settembre 2021
La costituzione della start-up innovativa

La costituzione della start-up innovativa: necessario l’intervento del notaio? Il...

17 Settembre 2021
Contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Sostegni bis: più tempo per presentare la dichiarazione dei redditi.

Con un Comunicato Stampa del 6 settembre 2021, il Ministero dell'Economia e delle...

17 Settembre 2021
Credito d’imposta per locazioni non abitative: nuovo modello per la comunicazione della cessione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 7 settembre 2021 sono...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto