NULL
Altre Novità
22 Settembre 2008

Accertamento basato sulle indagini bancarie ammesso anche per i lavoratori autonomi

Scarica il pdf

Con Sentenza 3 settembre 2008, n. 22179, la Corte di Cassazione si è espressa in materia di accertamento.

Secondo i giudici, è legittimo l’accertamento induttivo basato su controlli incrociati fra dati raccolti mediante questionari spediti dal fisco ai clienti di un libero professionista e quelli ricavati dai conti correnti bancari, anche prima del 2005.

Di conseguenza, l’art. 32, commi 1 e 2, DPR n. 600/73, che fino al 31 dicembre 2004 prevedeva che il fisco potesse utilizzare lo strumento delle indagini bancarie soltanto nei confronti delle imprese, può considerarsi esteso anche ai lavoratori autonomi.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
26 Novembre 2021
Quando si può parlare di commercio elettronico indiretto e quali sono i relativi obblighi di certificazione?

Commercio elettronico indiretto ed obblighi di certificazione. A presentare l'istanza...

26 Novembre 2021
Eredi del professionista: quali sono gli obblighi Iva da adempiere?

Nel caso di morte del professionista, quali sono gli adempimenti Iva a carico degli...

26 Novembre 2021
Subentro nella locazione della casa del portiere: si può optare per la cedolare secca.

Il quesito posto all'Agenzia delle Entrate riguarda l'applicabilità della cedolare...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto