string(14) "sidebar attiva"
Saggi
Scritto da:
21 Dicembre 2022
4 Minuti di lettura

Il ravvedimento operoso

Scarica il pdf

Pubblichiamo un’utile guida riepilogativa sul ravvedimento operoso.


Ravvedimento operoso: cos’è.

Il Ravvedimento Operoso è un’istituto con il quale è possibile pagare in ritardo e di spontanea volontà del contribuente, prima che si incorra ad accertamenti, degli adempimenti fiscali beneficiando della riduzione delle sanzioni.


Ravvedimento operoso: chi può usufruirne.

Possono usufruire del ravvedimento operoso tutti i contribuenti.


Ravvedimento operoso: come si calcola.

Nel modello per il versamento si inserisce :

  • il codice del tributo da pagare;
  • il codice tributo inerente l’interesse applicato, ad eccezione dell’interesse delle ritenute che si sommano al tributo stesso;
  • il codice tributo della sanzione.

L’interesse si calcola applicando il tasso annuo stabilito, dal primo gennaio 2022 è dell’1,25%, sul tributo, dal giorno in cui avrebbe dovuto essere pagato al giorno in cui si paga il tributo.


Ravvedimento operoso: tributi su cui applicarlo.

I tributi su cui si può applicare il ravvedimento operoso sono:

  • l’IRPEF;
  • l’IRES;
  • l’IRAP;
  • IMU;
  • le addizionali comunali e regionali;
  • le ritenute alla fonte operate dal sostituto d’imposta;
  • l’IVA;
  • l’imposta di registro per le locazioni successive alla prima annualità;
  • l’imposta ipotecaria;
  • l’imposta catastale.


Ravvedimento operoso: sanzioni.

Con l’applicazione del Ravvedimento operoso, le sanzioni sono ridotte nel seguente modo:

  • se il ravvedimento si applica entro i primi 14 giorni da quando avrebbe dovuto essere pagato, la riduzione della sanzione da ravvedimento è di 1/10, passa dal 15% applicabile allo 0,1% per ogni giorno di ritardo (in questo caso abbiamo il  ravvedimento sprint);
  • se il ravvedimento si applica dal 15° al 30° giorno da quando si sarebbe dovuto pagare, c’è una riduzione della sanzione di 1/10, dal 15% al 1,5% (in questo caso abbiamo il ravvedimento breve);
  • se il ravvedimento si applica dal 31° al 90° giorno da quando si sarebbe dovuto pagare il tributo, c’è una riduzione della sanzione di 1/9, dal 15% al 1,67% (detto ravvedimento intermedio);
  • se il ravvedimento si applica dal 91° giorno fino al termine della dichiarazione, c’è una riduzione della sanzione di 1/8, dal 30% al 3,75% (detto ravvedimento lungo);
  • se il ravvedimento si applica entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva, c’è una riduzione della sanzione di 1/7, dal 30% al 4,29% (detto ravvedimento biennale);
  • se il ravvedimento si applica oltre il termine della dichiarazione successiva, c’è una riduzione di 1/6, dal 30% al 5% (detto ravvedimento lunghissimo o ultrabiennale).


Ravvedimento operoso: come fare i versamenti.

I versamenti del Ravvedimento Operoso possono essere fatti:

  • con il modello F24 per l’IRPEF, l’IRES, l’IVA, l’IRAP, l’IMU, le addizionali comunali e regionali, le ritenute alla fonte  e l’imposta sugli intrattenimenti;
  • con il modello F23 per l’imposta di registro e gli altri tributi indiretti;  
  • con il modello F24 Elide:
    •  per i pagamenti inerenti i contratti di locazione e l’affitto di immobili;
    • Per i pagamenti inerenti all’aggiornamento dei registri immobiliari, ai nuovi rilasci o copie.


Ravvedimento operoso: codice tributo.

Alcuni dei codici tributo del Ravvedimento Operoso sono:

  • 1989: interessi sul ravvedimento per l’IRPEF;
  • 1990: interessi sul ravvedimento per l’IRES;
  • 1991: interessi sul ravvedimento per l’IVA;
  • 1993: interessi sul ravvedimento per l’IRAP;
  • 1994: interessi sul ravvedimento  per l’addizionale regionale;
  • 1998: interessi sul ravvedimento per l’addizionale comunale;
  • 4061: sanzione per l’imposta sulle transazioni di azioni e di altri strumenti partecipativi;
  • 4062: interessi sull’imposta sulle transazioni di azioni e di altri strumenti partecipativi;
  • 4063: sanzione sull’imposta sulle transazioni relative a derivati su equity;
  • 4064: interessi sull’imposta sulle transazioni relative a derivati su equity;
  • 4065: sanzione sull’imposta sulle negoziazioni ad alta frequenza relative ad azioni e strumenti partecipativi;
  • 4066: interessi sull’imposta sulle negoziazioni ad alta frequenza relative ad azioni e strumenti partecipativi;
  • 8901: sanzione per l’IRPEF;
  • 8902: sanzione  per l’addizionale regionale;
  • 8904: sanzione per l’IVA;
  • 8906: sanzione per le ritenute alla fonte operate dai sostituti d’imposta;
  • 8907: sanzione per l’IRAP;
  • 8918: sanzione per l’IRES;
  • 8926: sanzione per l’addizionale comunale IRPEF.


Ravvedimento operoso: normativa.

  • D.Lgs. n. 472/1997;
  • D.Lgs. n. 158/2015;
  • Circolare Agenzia delle Entrate 42/E del 12/10/16;
  • Circolare Agenzia delle Entrate 23/E del 09/06/15;
  • Circolare Agenzia delle Entrate 27/E del 02/08/13;


Ravvedimento operoso: fonte.

  • Agenzia delle Entrate.
Articoli correlati
3 Febbraio 2023
Legge di Bilancio per il 2023: aliquota Iva ridotta per più prodotti e nuove regole per la verifica delle partite Iva.

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2022 la Legge di Bilancio per l'anno...

3 Febbraio 2023
Legge di Bilancio per il 2023: le novità per le operazioni con l’estero.

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2022 la Legge di Bilancio per l'anno...

3 Febbraio 2023
Legge di Bilancio per il 2023: nuovo contributo di solidarietà a carico delle imprese del settore energetico.

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2022 la Legge di Bilancio per l'anno...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto