string(14) "sidebar attiva"
Saggi
Scritto da:
1 Luglio 2022
4 Minuti di lettura

Buono pasto: perché conviene fiscalmente?

Scarica il pdf

Sempre più aziende, per attrarre talenti e ridurre il turnover del proprio personale, decidono di riconoscere i buoni pasto, una soluzione fiscalmente vantaggiosa, caratterizzata da una gestione semplice e da una modalità di fruizione flessibile, che aumenta il potere d’acquisto di dipendenti o collaboratori.

In questo articolo scopriamo cos’è il buono pasto, quali benefici fiscali comporta per chi lo eroga e chi lo riceve e perché Ticket Restaurant® è il buono pasto più utilizzato in Italia.

Cosa è il buono pasto

Un servizio sostitutivo di mensa reso mediante buono pasto costituisce una modalità attraverso cui il datore di lavoro può erogare a dipendenti e collaboratori una prestazione di vitto. Il buono pasto è adottato dalle realtà aziendali che vogliano garantire una pausa pranzo sana e sostenibile, usufruendo, al contempo, di importanti vantaggi fiscali e gestionali.

Disponibile in formato cartaceo o digitale (tramite carta elettronica o app dedicata), il buono pasto è uno strumento di integrazione al reddito fiscalmente agevolato che il dipendente può utilizzare per acquistare il pranzo, cioè alimenti, bevande o prodotti di gastronomia pronti per il consumo, oppure per fare la spesa di prodotti alimentari presso i supermercati, purché ciò avvenga negli esercizi convenzionati.

Anche i liberi professionisti e le partite IVA, in regime ordinario, possono usufruire delle utilità del buono pasto e delle agevolazioni fiscali connesse, e scaricare le spese sostenute per alimenti e bevande.

Cosa dice la normativa sul buono pasto

La normativa per il buono pasto stabilisce le caratteristiche e i vantaggi che ottiene chi eroga e chi riceve questo benefit:

  • l’utilizzatore del buono pasto ottiene un importo pari al valore facciale del buono stesso;
  • il costo sostenuto per l’acquisto dei buoni pasto è totalmente deducibile per i datori di lavoro che intendano assegnarli ai propri dipendenti, mentre è deducibile fino al 75% per le partite IVA;
  • il buono pasto non è cedibile né cumulabile (oltre il limite di 8 buoni) né commercializzabile o convertibile in denaro;
  • il buono pasto è utilizzabile per l’intero valore facciale.

Il buono pasto può essere riconosciuto a diverse tipologie di dipendenti o collaboratori, tra cui:

  • lavoratori con contratto di subordinazione full time o part time, anche se l’orario giornaliero non prevede una pausa pranzo;
  • chi ha un rapporto di collaborazione continuativa con l’azienda, come i lavoratori a progetto.

Entriamo ora più nei dettagli e capiamo perché rappresenta una soluzione utile e conveniente per aziende, dipendenti e partite IVA.

Vantaggi per le aziende

Per le aziende, il buono pasto è una soluzione i cui costi sono deducibili al 100% dal reddito d’impresa, ma solo se i buoni pasto vengono erogati alla generalità o a categorie di dipendenti; anche l’IVA, applicata dalla Società emettitrice dei buoni pasto con aliquota agevolata al 4%, è totalmente detraibile. I buoni pasto permettono, quindi, di recuperare i costi sostenuti.

Ciò conferma che, contrariamente a quanto si pensa, questa soluzione è adatta non solo alle grandi imprese, ma anche alle piccole realtà. Tutte le tipologie di azienda possono ottenere dei vantaggi se decidono di erogare i buoni pasto per aumentare il potere d’acquisto dei propri dipendenti e collaboratori.

Il buono pasto è uno strumento flessibile, che si adatta a ogni esigenza: il valore facciale può essere scelto liberamente da ogni singola azienda. Non è un servizio in abbonamento e non prevede, pertanto, quantitativi fissi né ordini minimi.

I vantaggi del buono pasto non finiscono qui: abbassa il turnover del personale, migliora le performance aziendali e riduce il tasso di assenteismo.

Il buono pasto consolida, infatti, il senso di responsabilità e accresce la motivazione personale, garantendo benefici all’azienda stessa: i dipendenti fidelizzati diventano brand ambassador e influenzano positivamente l’immagine e la reputazione dell’azienda stessa.

Vantaggi per i dipendenti e i collaboratori

Come abbiamo visto, i dipendenti e i collaboratori, con i buoni pasto, ottengono il diritto a una prestazione di importo pari all’intero valore del buono pasto attribuito dall’azienda: un contributo economico concreto, che contribuisce ad aumentare il proprio potere d’acquisto per la pausa pranzo e la spesa alimentare.

Anche per i dipendenti e collaboratori il buono pasto comporta delle agevolazioni fiscali: non costituisce reddito di lavoro dipendente né, conseguentemente, è soggetto a contributi previdenziali e assistenziali fino alla soglia massima prevista:

  • 4€ per il formato cartaceo
  • 8€ per il formato digitale o da app

È dimostrato, inoltre, che il valore del buono pasto percepito dai dipendenti è maggiore rispetto allo stesso importo che viene percepito in busta paga.

Cosa vuol dire?
Aumentare il valore del buono pasto erogato rende i dipendenti più felici rispetto allo stesso aumento in busta paga (tenendo pur sempre in considerazione che il buono pasto è esentasse fino alla soglia di esenzione sopra indicata).

Un vantaggio da non sottovalutare, oltre alla componente fiscale, è la versatilità del buono pasto: viene utilizzato per acquistare il pasto durante la pausa pranzo o per fare la spesa e acquistare prodotti alimentari, purché il tutto avvenga presso la rete di esercenti commerciali convenzionati. Inoltre, chi percepisce il formato digitale può usarlo anche sui siti e-commerce dei partner convenzionati.

Vantaggi per le partite IVA

Il buono pasto è una soluzione pratica e vantaggiosa anche per la pausa pranzo di lavoratori autonomi, ditte individuali e liberi professionisti, perché consente loro di gestire le spese in modo semplificato e ottenere un risparmio concreto: possono dedurre fino al 75% dei costi sostenuti per l’acquisto dei buoni pasto, ai fini delle imposte dirette seppur per un importo massimo del 2% del fatturato, e detrarre interamente l’IVA del 10%.

Non solo detrazioni e deduzioni: un ulteriore vantaggio consiste nell’avere tutte le spese in un’unica fattura.

Cosa vuol dire?
Facciamo un esempio: chi ha una partita IVA, anziché richiedere e conservare la fattura per ogni spesa fatta al ristorante, tavola calda o al supermercato, può semplicemente conservare solo quella relativa all’acquisto di buoni pasto.

Ticket Restaurant®: il buono pasto più utilizzato in Italia

Il buono pasto più diffuso in Italia è Ticket Restaurant®: da oltre 40 anni viene erogato dalle realtà aziendali e utilizzato da dipendenti e collaboratori per la pausa pranzo e la spesa e, nel formato digitale, anche per gli ordini online.

Oltre a tutti i benefici intrinsechi del buono pasto che abbiamo visto, Ticket Restaurant® presenta ulteriori importanti vantaggi, sia per i datori di lavoro che intendono assegnarli, sia per i beneficiari.

Disponibile in tre formati, cartaceo, digitale o da app, Ticket Restaurant® si presta a rispondere a qualsiasi necessità.

Chi lo eroga può avvalersi di un commerciale dedicato, pronto a rispondere a ogni esigenza che si presenti, e di un’assistenza disponibile in caso di bisogno. È possibile, inoltre, gestire questa soluzione anche in totale autonomia grazie al portale che permette di monitorare e ordinare Ticket Restaurant® e carte elettroniche.

Con il formato digitale, in particolare, è possibile usufruire della soglia massima di esenzione fiscale e le ricariche sono disponibili dopo 24 ore dal completamento dell’ordine.

I beneficiari del buono pasto Ticket Restaurant® vedono aumentare il proprio potere d’acquisto e possono usufruire della rete di esercizi convenzionati più ampia di Italia: conta oltre 150.000 locali, tra cui bar, ristoranti, tavole calde, negozi di generi alimentari, i più noti marchi di supermercati e una rete di partner online.

Quanto costa Ticket Restaurant®?
Edenred mette a disposizione degli utenti uno strumento davvero utile per mostrare il risparmio che si ottiene adottando la soluzione digitale o cartacea: il simulatore online. Testa anche tu quanto è facile far felici i dipendenti risparmiando!

Ticket Restaurant® rappresenta, quindi, una soluzione davvero ideale con ricadute positive per le aziende e le partite IVA, ma anche per i dipendenti e i collaboratori: permette di usufruire di notevoli vantaggi fiscali e, al contempo, aumentare concretamente il potere d’acquisto di chi lo utilizza.

Per richiedere una consulenza professionale, scrivi alla Redazione

Articoli correlati
5 Agosto 2022
Vi aspettiamo a settembre

La redazione dà appuntamento a settembre per le prossime notizie e augura buone vacanze...

4 Agosto 2022
Social bonus: arriva il regolamento per l’attuazione del credito d’imposta.

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 luglio 2022 il Decreto del Ministero...

4 Agosto 2022
L’Agenzia delle Entrate istituisce i codici tributo per utilizzare tre nuovi crediti d’imposta.

Con tre diverse Risoluzioni dell'Agenzia delle Entrate del 27 luglio 2022 sono stati...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto