NULL
Principi Contabili
Scritto da:
1 Gennaio 1970

IAS 18 Ricavi – Ambito di applicazione

Scarica il pdf

1Il presente Principio deve essere applicato nella contabilizzazione dei ricavi che derivano dalle seguenti operazioni e fatti:

a) la vendita di beni;
b) la prestazione di servizi; e
c) l’utilizzo, da parte di terzi, di beni dell’entità che generano interessi, royalties e dividendi.

Il presente Principio sostituisce lo IAS 18, Rilevazione dei ricavi, approvato nel 1982.

I beni considerati comprendono quelli prodotti dall’entità per essere venduti e quelli acquistati per la rivendita, quali merci acquistate da un dettagliante, così come terreni e altri immobili posseduti per essere rivenduti.

La prestazione di servizi implica, tipicamente, lo svolgimento da parte dell’entità di un incarico contrattualmente concordato in un periodo fissato di tempo. I servizi possono essere erogati in uno o più esercizi. Alcuni contratti per la prestazione di servizi sono direttamente connessi ai lavori su ordinazione, quali quelli per le prestazioni dei responsabili di progetto e degli architetti. I ricavi che derivano da questi contratti non vengono trattati nel presente Principio, ma secondo le disposizioni riguardanti i lavori su ordinazione di cui allo IAS 11 Lavori su ordinazione.

L’uso di beni dell’entità da parte di terzi produce ricavi sotto forma di:

a) interessi – addebiti a terzi per l’utilizzo di disponibilità liquide o mezzi equivalenti o di ammontari dovuti all’entità;
b) royalties – addebiti a terzi per l’utilizzo di attività a lungo termine appartenenti all’entità, quali brevetti, marchi di fabbrica, diritti d’autore e software per computer; e
c) dividendi – distribuzione di utili ai possessori di partecipazioni azionarie in proporzione alla loro quota e al tipo di partecipazioni.

Il presente Principio non tratta i ricavi che derivano da:

a) contratti di locazione (cfr. IAS 17 Leasing);
b) dividendi derivanti da partecipazioni che sono contabilizzate con il metodo del patrimonio netto
(cfr. IAS 28 Partecipazioni in società collegate e joint venture);
c) contratti assicurativi che rientrano nell’ambito di applicazione dell’IFRS 4, Contratti assicurativi;
d) cambiamenti del fair value (valore equo) di attività e passività finanziarie o la loro dismissione
(cfr. IAS 39 Strumenti finanziari: rilevazione e valutazione);
e) modificazioni del valore di altre attività correnti;
f) rilevazione iniziale e cambiamenti di fair value (valore equo) di attività biologiche connesse all’attività agricola (cfr. IAS 41 Agricoltura);
g) rilevazione iniziale dei prodotti agricoli (cfr. IAS 41); e h) estrazione di minerali.

 

Torna all’indice dello Ias 18 Ricavi

Torna all’indice dei Principi Contabili Internazionali

Articoli correlati
2 Dicembre 2022
Sì al Superbonus in caso di installazione dell’ascensore esterno all’edificio.

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un nuovo quesito riguardante il Superbonus. A...

2 Dicembre 2022
La cessione di smart box resta esclusa dall’esterometro.

Le cessioni degli "smart box" rientrano nei dati che devono essere comunicati tramite...

25 Novembre 2022
Compensi dell’agente sportivo: si tratta di redditi di lavoro autonomo.

Con la Risoluzione n. 69 del 21 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto