Reverse charge per i materiali diversi dagli imballaggi

Con Risoluzione 28 febbraio 2007, n. 29, l’Agenzia delle Entrate ha individuato il regime IVA applicabile nei confronti di una società operante nell’ambito della raccolta differenziata dei rifiuti per la raccolta ed il conferimento degli imballaggi alle piattaforme ecologiche e per la cessione di rifiuti diversi dagli imballaggi ad imprese autorizzate al loro trattamento.

In particolare, per quanto riguarda:

  • gli imballaggi: l’attività di raccolta e conferimento degli imballaggi alle piattaforme che fanno riferimento al CONAI, effettuata nell’ambito dell’accordo ANCI-CONAI, rientra nella più generale fattispecie del processo di “gestione dei rifiuti” di cui al D.Lgs. n. 152/2006; pertanto essa rientra nella Tabella A, parte III, punto n. 127-sexiesdecies, D.P.R. n. 633/1972 e sconta una aliquota ridotta del 10%;
  • materiali di scarto diversi dagli imballaggi: il conferimento di questi a favore di raccoglitori autorizzati configura una cessione di beni in quanto, in questo caso, essa avviene sul libero mercato, fuori dai rapporti obbligatori disciplinati dal D.Lgs. n. 152/2006; pertanto essa rientra nell’ambito di applicazione del sistema del reverse charge di cui all’art. 74, D.P.R. n. 633/1972, scontando l’aliquota ordinaria del 20%.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale