Novità Iva
29 Novembre 2008

Rettifica IVA in caso di impossibilità sopravvenuta alla prestazione: Risoluzione delle Entrate

Scarica il pdf

Con Risoluzione 21 novembre 2008, n. 449, l’Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in merito al presupposto e al termine necessari per l’emissione della nota di variazione, di cui all’articolo 26, secondo comma, D.P.R. n. 633/1972, in caso di sequestro di beni aziendali che implichi la risoluzione del contratto tra due società per impossibilità sopravvenuta di eseguire le prestazioni.

A tal proposito, l’Amministrazione finanziaria ha precisato che il commissionario può emettere nota di variazione dell’imponibile IVA e portare in detrazione l’imposta assolta, anche senza necessità della relativa dichiarazione, nonostante sia decorso più di un anno dall’emissione delle fatture, nel solo caso in cui non sia ancora decorso il termine ultimo di emissione della nota, coincidente con la dichiarazione relativa al secondo anno successivo alla data di esecuzione del sequestro.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto