Novità Iva
10 Ottobre 2008

Partita IVA ai soggetti non residenti: è sufficiente il domicilio in Italia

Scarica il pdf

Con Risoluzione 3 ottobre 2008, n. 369, l’Agenzia delle Entrate, in risposta ad un’istanza d’interpello, ha chiarito che per l’attribuzione della Partita IVA ai cittadini non residenti che svolgono attività economica sul nostro territorio non è necessario essere residenti ma è sufficiente il domicilio in Italia.

Secondo l’Amministrazione finanziaria, pur in presenza della residenza all’estero, il domicilio in Italia è sufficiente per equiparare il soggetto al pari di un residente ai fini dell’imposizione fiscale.

Per il rilascio del numero di Partita IVA basta presentare il modello di inzio attività (Mod. AA9/9), indicando il proprio domicilio fiscale.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
14 Maggio 2021
Rimborsi per spese sostenute da lavoratori in smart working: tassabili se non collegati a criteri oggettivi.

L'Agenzia delle Entrate si è pronunciata nuovamente riguardo alla tassabilità dei...

14 Maggio 2021
Attestazioni rilasciate a medici che chiedono un indennizzo per isolamento da Covid: sì all’imposta di bollo.

Nuova questione affrontata dall'Agenzia delle Entrate. Si tratta dell'applicabilità...

14 Maggio 2021
Interventi in aree per fiere e convegni: quando è ammesso il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro?

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta a fornire nuovi chiarimenti riguardo...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto