La mancanza di iscrizione all’Albo determina la non imponibilità IVA

Con Sentenza 22 giugno 2007, n. 14649, la Corte di Cassazione si è espressa in merito all’assoggettabilità ad IVA di un collaboratore che, pur esercitando l’attività di amministratore e liquidatore in modo continuativo, non è, però, iscritto all’Albo.

Secondo la Corte, l’Amministrazione finanziaria non può limitarsi a presumere l’esercizio di una libera professione, ma deve procedere ad una verifica più attenta di tutti gli elementi. Nel caso di specie, il contribuente è pensionato, non ha mai esercitato la libera professione, non è mai stato iscritto all’Albo di appartenenza e svolge solamente queste attività con un compenso prestabilito.

Il rapporto in questione, pertanto, riveste le caratteristiche di una collaborazione e non di una attività di lavoro autonomo.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale