Novità Iva
13 Ottobre 2007

Falsa fatturazione: la prova del Fisco

Scarica il pdf

Con Sentenza 21 agosto 2007, n. 17799, la Corte di Cassazione ha affermato che l’Amministrazione finanziaria che contesti al contribuente la veridicità delle fatture da questi emesse deve fornire la prova a suffragio della sua tesi.

Quanto statuito con questa sentenza è di senso opposto ad una precedente pronuncia della stessa Corte di Cassazione (Sentenza n. 7144/2007) che aveva stabilito che è a carico del contribuente provare la legittimità delle prestazioni ai fini della detrazione IVA.

La Corte di Cassazione, tornando sui propri passi, ha riaffermato il principio secondo cui, in caso di fatture false, l’onere della prova ricade sull’Amministrazione finanziaria. Il contribuente dovrà provare la correttezza di tali documenti solo quando il Fisco produrrà elementi in grado di far presumere che essi siano falsi. Non sarebbe accoglibile la tesi secondo la quale tutte le fatture si presumono false fino a prova contraria.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto