Novità Iva
1 Gennaio 1970

Corte di Cassazione: fatturazione differita solo per gli enti ospedalieri pubblici

Scarica il pdf

Con Sentenza 22 settembre 2006, n. 20540, la Corte di Cassazione ha stabilito che agli enti ospedalieri non pubblici, non essendo sottoposti alla contabilità pubblica, anche se operanti nel settore sanitario si applica la regola generale stabilita dall’art. 6, comma 1, D.P.R. n. 633/72, in base alla quale l’IVA diviene esigibile al momento della consegna o spedizione dei beni e all’effettuazione del servizio.

La deroga stabilita dal comma 5, art. 6, per cui l’IVA relativa alle cessioni di beni diventa esigibile all’atto del pagamento dei relativi corrispettivi nel caso di beni e servizi erogati da enti ospedalieri, enti pubblici di ricovero e cura con prevalente carattere scientifico e enti pubblici di assistenza e beneficienza va infatti collegata alla natura pubblica dei soggetti coinvolti nelle operazioni e non all’oggetto del contratto o alla causa economico-sociale dello stesso.

Fonte:  www.seac.it
Articolo pubblicato in data 3.10.2006

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto