string(14) "sidebar attiva"
Novità Irpef - Ires
Scritto da:
19 Gennaio 2024
4 Minuti di lettura

Credit tax per chi sostiene la cultura italiana

Scarica il pdf


Il 28 dicembre 2023, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti e istruzioni sull’art-bonus, un’agevolazione sotto forma di credit tax aintrodotta dal Decreto Legge n. 83/2014, articolo 1, volta a sostenere e valorizzare il patrimonio culturale italiano. Attraverso la Circolare n. 34/E del medesimo giorno, l’Agenzia ha esaminato la misura, fornendo interpretazioni aggiuntive rispetto ai documenti di prassi precedenti, tenendo conto di modifiche normative e richieste da parte dei contribuenti.

Credit tax: i diversi aspetti dell’art-bonus

La circolare affronta diversi aspetti dell’art-bonus, inclusi l’ambito soggettivo e oggettivo dell’agevolazione, l’utilizzo e la rilevanza del credito d’imposta, nonché gli adempimenti sia per i “mecenati” che per i beneficiari delle erogazioni.

L’art-bonus, originariamente concepito come misura temporanea per i periodi fiscali dal 2014 al 2016, è stato successivamente reso permanente con la Legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208 del 2015). Esso prevede un credito d’imposta del 65% sulle erogazioni liberali in denaro effettuate per interventi a sostegno del patrimonio culturale pubblico. La misura è destinata a persone fisiche, enti non commerciali e soggetti titolari di reddito d’impresa.

La circolare fornisce dettagli sull’ambito soggettivo e oggettivo, comprese le specifiche categorie di soggetti beneficiari e le erogazioni ammissibili. Vengono anche trattate le modifiche normative e le interpretazioni relative all’applicazione dell’art-bonus. Ad esempio, l’appartenenza pubblica degli istituti e dei luoghi della cultura è approfondita, con l’indicazione che la natura pubblicistica può essere riconosciuta anche in caso di acquisizione di beni culturali da parte di enti pubblici attraverso aziende speciali.

La circolare chiarisce i limiti di utilizzo del credito d’imposta. Sottolineando che non è vincolato ai limiti applicabili ad altri crediti agevolativi e che non rileva ai fini delle imposte sui redditi e Irap. Vengono, inoltre, affrontati gli adempimenti per i “mecenati”. Compresi i requisiti per l’ammissibilità delle erogazioni, i metodi tracciabili di erogazione e l’esclusione di erogazioni in forma di beni o servizi.

Ulteriori chiarimenti riguardano i beneficiari, che devono comunicare mensilmente al Ministero della Cultura l’ammontare delle erogazioni ricevute e renderle pubbliche. La circolare dedica un capitolo all’applicabilità della ritenuta d’acconto del 4% per contributi corrisposti alle imprese da parte di enti pubblici e privati, escludendo quelli per l’acquisto di beni strumentali.

In definitiva, la circolare fornisce un quadro completo delle disposizioni e dei dettagli procedurali relativi all’art-bonus. Promuovendo la comprensione e la corretta applicazione di questa agevolazione a sostegno della cultura.

Articoli correlati
12 Aprile 2024
Hai ricevuto la busta paga e non ti è stata retribuita la festività per il giorno di Pasqua? Ecco il motivo

Molti lavoratori non hanno ricevuto in busta paga alcuna retribuzione per la...

12 Aprile 2024
Detrazione Irpef 2023 invariata per atenei non statali

Le regole relative alla detrazione Irpef per le spese universitarie sostenute presso...

12 Aprile 2024
Stock option da Oic a Ias/Ifrs, deducibili solo nell’anno di passaggio

Il passaggio dalle norme contabili nazionali (Oic) agli standard internazionali...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto