Regole di deducibilità delle spese di rappresentanza: Circolare Assonime

0 Flares 0 Flares ×

Con Circolare 9 aprile 2009, n. 16, l’Assonime ha commentato la nuova disciplina delle spese di rappresentanza introdotta dalla Legge finanziaria 2008 ed attuata con il D.M. 19.11.2008, evidenziandone gli effetti ai fini delle imposte sul reddito ed ai fini IVA.

Secondo l’Associazione:

  • ai fini della deducibilità delle spese, quali quelle di viaggio, vitto e alloggio (incluse le generalità dei soggetti) sostenute per ospitare clienti in occasione di mostre, fiere o eventi simili, prima dell’entrata in vigore del D.M. 19.11.2008, l’obbligo di documentazione richiesta dovrebbe decorrere dalla data di entrata in vigore del Decreto in esame, ovvero dal 30.01.2009, applicandosi cioè alle spese sostenute a partire da tale data;
  • il criterio di convenienza e di ragionevolezza delle spese sostenute ai fini della deducibilità dal reddito deve essere improntato a criteri di carattere qualitativo;
  • le spese solo indirettamente correlate ai ricavi potrebbero essere considerate deducibili per intero.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale