Novità Irpef - Ires
27 Settembre 2010

Presupposti per l’applicazione dell’IRAP. Non è sufficiente una motivazione generica

Scarica il pdf

Con Sentenza n. 15670 del 1º luglio 2010, la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione ha affermato che non è sufficientemente motivata la sentenza che affermi l’assoggettamento ad IRAP di un professionista sulla base della generica considerazione che il professionista medesimo dispone di “beni strumentali di rilevante entità”, effettua “notevoli quote di ammortamento” e “considerevoli spese per consumi” ed altre spese documentate, e senza che sia fatto alcuno specifico riferimento alla situazione propria del contribuente.

La Corte di Cassazione ha, quindi, cassato la pronuncia della Commissione tributaria regionale della Sicilia emessa sulla base di tale motivazione ritenuta del tutto generica, rinviando ad altra sezione della Commissione medesima. 

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto