NULL
Novità Irpef - Ires
14 Gennaio 2006

Ai fini impositivi è necessario distinguere i redditi in associazione da quelli del singolo

Scarica il pdf

Con Sentenza 23 dicembre 2005, n. 28725, la Corte di Cassazione ha chiarito che nell’ipotesi di prestazione di attività da parte di un medico, a favore di uno studio medico associato, ai fini dell’accertamento IRPEF, e della successiva maggior pretesa impositiva, è necessario distinguere la diversa imputabilità dei redditi.

Infatti, qualora non venga chiarito se gli introiti dello studio siano “diversi, per data, per nome del paziente o importo” da quelli riferibili esclusivamente al dottore, non si potrà escludere la violazione del divieto della doppia imposizione.

Fonte:  www.seac.it

 

Articoli correlati
2 Dicembre 2022
Sì al Superbonus in caso di installazione dell’ascensore esterno all’edificio.

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un nuovo quesito riguardante il Superbonus. A...

2 Dicembre 2022
La cessione di smart box resta esclusa dall’esterometro.

Le cessioni degli "smart box" rientrano nei dati che devono essere comunicati tramite...

25 Novembre 2022
Compensi dell’agente sportivo: si tratta di redditi di lavoro autonomo.

Con la Risoluzione n. 69 del 21 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto