NULL
Faq legale
1 Gennaio 1970

Differenza tra azione di petizione e azione di riduzione dell’eredità?

Scarica il pdf

L’azione di petizione dell’eredità, prevista dal’art. 533 c.c., viene intentata dall’erede onde ottenere il riconoscimento della sua qualità ereditaria contro chiunque possieda tutti o parte dei beni ereditari, a titolo di erede o senza alcun titolo, allo scopo di ottenere la restitiuzione degli stessi.
Tale azione è imprescrittibile, salvi gli effetti dell’usucapione rispetto ai singoli beni.

L’azione di riduzione ha invece per scopo la reintegrazione della quota di legittima mediante la riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni eccedenti la quota di cui il testatore poteva disporre (art. 553 c.c. ).
Soggetti legittimati ad intentare tale azione sono il legittimario leso, quello escluso dal testatore, l’erede e l’avente causa del legittimario.

Articoli correlati
17 Maggio 2024
La nuova Riforma Fiscale, il parere del Dott. Scalia.

E' in via di definizione la nuova riforma fiscale, e per capire lo stato dell'arte,...

17 Maggio 2024
Bonus badanti: accesso ai servizi per i lavoratori domestici.

Sul sito dell’INPS vi è una sezione telematica dedicata ai lavoratori domestici...

17 Maggio 2024
Tax credit ReS al via le iscrizioni all’Albo

Una volta registrati sulla piattaforma fornita dal Mimit, gli interessati ad iscriversi...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto