string(14) "sidebar attiva"
Altre Novità
Scritto da:
7 Dicembre 2023
4 Minuti di lettura

Sovvenzioni erogate dall’ente bilaterale, nessuna ritenuta

Scarica il pdf


Il 15 novembre 2023, l’ente bilaterale ha comunicato che il sostituto d’imposta non deve effettuare alcuna trattenuta sulle sovvenzioni erogate, a condizione che tali somme siano straordinarie ed esclusivamente di natura assistenziale, non configurabili come reddito sostitutivo.

In sintesi, la risposta n. 462 del 15 novembre 2023 specifica che i contributi in misura fissa, erogati dall’ente bilaterale per scopi assistenziali ai propri iscritti, non concorrono alla formazione del reddito imponibile e non sono soggetti a ritenuta d’acconto, secondo l’articolo 6 del Tuir.

Ente bilaterale: erogazione contributi una tantum

L’ente bilaterale, nell’ambito delle prestazioni previste dal “Regolamento prestazioni di welfare territoriale 2023 per i lavoratori”, intende erogare un “Contributo per malattia di lunga durata” e un “Bonus straordinario Covid-19”, entrambi in misura fissa e una tantum. La distribuzione avverrà in base all’ordine cronologico delle richieste dei lavoratori, con criteri specifici stabiliti nel Regolamento e fino all’esaurimento del budget disponibile.

La questione centrale è se il sostituto d’imposta debba applicare la ritenuta d’acconto sull’erogazione di tali contributi. Secondo l’ente bilaterale, trattandosi di contributi che non sostituiscono redditi e che non concorrono alla formazione dell’imponibile, la risposta n. 24/2018 afferma che gli importi erogati non sono tassati come sostitutivi di redditi.

Inoltre, la risposta n. 395/2020 dell’Agenzia delle entrate specifica che la sovvenzione una tantum, indipendente dalla normale retribuzione e non sostitutiva di altro reddito previsto dall’articolo 6 del Tuir, non è imponibile. La circolare n. 20/2011 aggiunge che i contributi erogati per danni da calamità naturali non rientrano in alcuna categoria di reddito, poiché hanno natura assistenziale.

L’Agenzia conclude che i contributi straordinari erogati dall’ente bilaterale per scopi assistenziali, in misura fissa e una tantum, non rientrano in alcuna categoria reddituale dell’articolo 6 del Tuir. Di conseguenza, non è applicabile la ritenuta d’acconto ai sensi dell’articolo 23 del Dpr n. 600/1973.

Articoli correlati
23 Febbraio 2024
Bonus per l’acqua potabile: prassi aggiornata

Il 9 Gennaio 2024, si apportano modifiche e aggiornamenti alle precedenti indicazioni...

23 Febbraio 2024
Sportello telematico dell’Automobilista: registrazione atti di vendita

Il 12 Gennaio 2024, è stata ribadita l'importanza per il titolare dello Sportello...

23 Febbraio 2024
Online dichiarazione dei non residenti per la navigazione in alto mare

Il 9 Gennaio 2024, per presentare l'attestazione del possesso dei requisiti per...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto