string(14) "sidebar attiva"
Altre Novità
Scritto da:
26 Gennaio 2024
4 Minuti di lettura

Aggiornamento della normativa sull’accesso ai documenti dell’Agenzia

Scarica il pdf

Il provvedimento odierno apporta alcune modifiche alle disposizioni riguardanti l’accesso ai documenti, introdotte inizialmente nel 2020. Perché si tratta di interventi di lieve entità volti ad aggiornare la disciplina concernente l’accesso a dati oltre ai documenti formati o detenuti dall’Agenzia delle entrate. Il provvedimento del 28 dicembre 2023, emanato dal direttore dell’Agenzia delle entrate. Introduce modifiche minime al provvedimento del 4 agosto 2020. Il quale delineava i criteri e le modalità per l’esercizio di tre tipologie di accesso presso l’Amministrazione. Accesso documentale, accesso civico semplice e accesso civico generalizzato. Tale provvedimento del 2020 che stabiliva anche la procedura da seguire, infatti i soggetti legittimati a presentare richieste di accesso, anche ai casi di esclusione o diniego (consultabili nell’articolo “Accesso ai documenti dell’Agenzia: tracciate le tre strade percorribili”).

Accesso ai documenti: aggiornamento

Nello specifico, vengono riveduti i riferimenti alle norme introdotte nel provvedimento precedente, questo al fine di considerare tutte le modifiche intervenute fino a oggi nel Codice dell’Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82/2005), nel decreto legislativo n. 33/2013, che riguarda il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, oltre che di trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Nel Codice in materia di protezione dei dati personali (D.lgs n. 196/2003) ma anche nel Codice della proprietà industriale (Dlgs n. 30/2005).

Inoltre, vengono inclusi riferimenti al decreto legislativo n. 24/2023, che attua la direttiva (UE) 2019/1937 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2019 e questo è concernente la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione e delle disposizioni normative nazionali. Al contempo, il richiamo al decreto legislativo n. 50/2016 (il Codice degli appalti pubblici) è stato sostituito dal richiamo al decreto legislativo n. 36/2023, attualmente in vigore e noto come “Codice dei contratti pubblici in attuazione dell’articolo 1 della legge 21 giugno 2022, n. 78, recante delega al Governo in materia di contratti pubblici”.

L’Agenzia delle entrate mette a disposizione infatti nella sezione “Modelli” del proprio sito internet, i formati utilizzabili per presentare richieste relative all’accesso. Tutte le richieste di accesso civico pervenute all’Agenzia sono registrate nel registro degli accessi civici, ed è soggetto a aggiornamento trimestrale e consultabile sulla pagina “Altri contenuti – Accesso civico” della sezione “Amministrazione Trasparente” sul sito dell’Agenzia.

Articoli correlati
12 Aprile 2024
Hai ricevuto la busta paga e non ti è stata retribuita la festività per il giorno di Pasqua? Ecco il motivo

Molti lavoratori non hanno ricevuto in busta paga alcuna retribuzione per la...

12 Aprile 2024
Detrazione Irpef 2023 invariata per atenei non statali

Le regole relative alla detrazione Irpef per le spese universitarie sostenute presso...

12 Aprile 2024
Stock option da Oic a Ias/Ifrs, deducibili solo nell’anno di passaggio

Il passaggio dalle norme contabili nazionali (Oic) agli standard internazionali...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto