Tosap dovuta anche sul passo carraio

Con Sentenza 26 febbraio 2007, n. 4293 la Corte di Cassazione ha affermato che anche il passo carraio costruito prima che la strada divenga pubblica deve scontare la tassa d’occupazione di spazi e aree pubbliche (TOSAP).

Nel caso di specie, il contribuente proponeva ricorso sostenendo che per rientrare tra i presupposti impositivi del tributo, il passo carraio deve essere costruito quando la strada è già destinata ad uso pubblico. I giudici di primo e secondo grado hanno dato ragione al contribuente, sostenendo tra l’altro che, in base all’44, D.Lgs. n. 507/1993, il tributo va corrisposto solo se il passo carraio, e in generale l’occupazione del suolo pubblico a fini privati, consiste in interventi e manufatti visibili.

La Corte di Cassazione ha, invece, rigettato il ricorso cogliendo l’occasione per fornire una interpretazione estensiva degli artt. 38 e 44, D.Lgs. n. 507/1993; secondo i giudici, per presupposto della TOSAP deve intendersi non solo la modifica del piano stradale, ma anche le interruzioni ed i dislivelli del marciapiede che costituiscono il passo carraio; questi ultimi, infatti, individuano l’area sottratta all’uso pubblico per facilitare l’accesso alla proprietà privata.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale