Altre Novità
16 Giugno 2007

Studi di settore: non sono strumento di accertamento automatico

Scarica il pdf

L’Agenzia delle Entrate ha diramato il Comunicato Stampa 7 giugno 2007, nel quale viene ribadito che gli studi di settore non rappresentano uno strumento di accertamento automatico.

Secondo l’Agenzia, i contribuenti non hanno l’obbligo di adeguarsi agli studi di settore se ritengono che questi non rispecchino la loro reale situazione contributiva. La stessa normativa dispone che essi sono uno “strumento utilizzabile come punto di riferimento dal contribuente” per “stare più tranquillo“, mentre per l’Amministrazione finanziaria risultano uno strumento utile per selezionare le posizioni da controllare.

Pertanto i contribuenti sono liberi di non adeguarsi agli studi di settore qualora ritengano di non rientrare nei parametri di congruità da questi fissati e potranno spiegare le loro ragioni in sede di contraddittorio.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto