Altre Novità
16 Febbraio 2008

Prezzo esposto in negozio ed accertamento induttivo: Sentenza della Corte di Cassazione

Scarica il pdf

Con Sentenza 6 febbraio 2008, n. 5786, la Corte di Cassazione si è espressa in materia di accertamento induttivo.

Secondo i giudici, il prezzo della merce esposta in negozio può essere considerato indicatore di ricchezza. In particolare, se la Guardia di finanza ha la certezza della quantità di beni venduti, a seguito di verifiche sul volume di merce acquistata e sulle giacenze di magazzino, può scattare la procedura di accertamento induttivo, qualora il titolare abbia dichiarato dei redditi considerati inferiori in proporzione ai prezzi indicati sui cartellini.

La Sentenza stabilisce, inoltre, che il titolare non può giustificarsi sostenendo di aver riconosciuto sconti alla clientela.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
24 Settembre 2021
L’oggetto sociale della start-up innovativa.

I requisiti richiesti dalla legge. Per ottenere la qualifica di start-up innovativa...

24 Settembre 2021
Immobili in corso di definizione: ammesso il Superbonus a certe condizioni.

Nuovi chiarimenti sull'applicazione del Superbonus. Il contribuente istante è...

24 Settembre 2021
Detassazione per contributi ed indennità per emergenza Coronavirus.

Il nuovo quesito affrontato dall'Agenzia delle Entrate riguarda il corretto trattamento...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto