Altre Novità
1 Gennaio 1970

Lo status di agricoltore deve essere formalmente certificato

Scarica il pdf

Con Sentenza n. 94/9/06, la CTR Campania, Sezione IX, ha fornito un’interpretazione restrittiva dell’art. 9, comma 2, D.P.R. n. 601/1973, in merito alle agevolazioni tributarie per i trasferimenti di fondi rustici nei territori montani qualora l’acquirente presenti i requisiti di coltivatore diretto.

Per poter beneficiare dell’imposta di registro ridotta, l’acquirente deve:

· certificare il possesso di tali requisiti nell’atto di trasferimento redatto dal notaio oppure

· dichiarare di voler acquisire successivamente tali requisiti e di impegnarsi a fornire l’apposita certificazione all’Ufficio in cui l’atto è registrato entro tre anni dalla stipula dell’atto.

Secondo la Commissione, la mancata, formale produzione di tale certificazione, come prevista dalla legge, fa perdere all’acquirente l’agevolazione, anche se questi possiede di fatto i requisiti di coltivatore diretto già al momento della stipula dell’atto di trasferimento.

Fonte:  www.seac.it
Articolo pubblicato in data 3.10.2006

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
14 Maggio 2021
Rimborsi per spese sostenute da lavoratori in smart working: tassabili se non collegati a criteri oggettivi.

L'Agenzia delle Entrate si è pronunciata nuovamente riguardo alla tassabilità dei...

14 Maggio 2021
Attestazioni rilasciate a medici che chiedono un indennizzo per isolamento da Covid: sì all’imposta di bollo.

Nuova questione affrontata dall'Agenzia delle Entrate. Si tratta dell'applicabilità...

14 Maggio 2021
Interventi in aree per fiere e convegni: quando è ammesso il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro?

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta a fornire nuovi chiarimenti riguardo...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto