Impugnabili gli atti anche se non elencati dalla legge

Con Sentenza n. 21405/2007, depositata l’8 ottobre 2007, la Corte di Cassazione ha affermato che un atto può essere impugnato davanti all’organo giudiziale anche se questo non è compreso dalle norme sul processo tributario.

Ciò che conta è che l’atto contenga una pretesta tributaria definitiva. E’ perciò impugnabile, nonostante la sua mancata menzione, anche l’invito al pagamento inviato dal Comune al contribuente.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale