Altre Novità
8 Gennaio 2010

Imposta di registro e avviso di accertamento: Ordinanza della Cassazione

Scarica il pdf

Con Ordinanza 2 dicembre 2009, n. 25377, la Corte di Cassazione si è espressa in materia di imposta di registro, stabilendo che, per rettificare il valore dichiarato, l’avviso di accertamento deve essere obbligatoriamente motivato al fine di delimitare le ragioni adducibili dall’Ufficio in fase di contenzioso e, contemporaneamente, consentire al contribuente l’esercizio del diritto di difesa.

Secondo i giudici, infatti, nell’avviso di accertamento l’Ufficio deve delineare i criteri utilizzati per determinare il diverso valore su cui calcolare l’imposta di registro e, successivamente, in sede di contenzioso, l’Amministrazione finanziaria avrà l’onere di dimostrare gli elementi giustificativi dell’ammontare accertato.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto