Dottori commercialisti e Ragionieri: nuova aliquota per il contributo integrativo

Dal 1º gennaio 2005 il contributo integrativo a carico di Dottori Commercialisti e Ragionieri passa dal 2% al 4%.

Poiché la nuova aliquota interessa solamente Dottori commercialisti e Ragionieri, in caso di associazioni professionali composte da professionisti diversi (es. studio professionale fra un dottore commercialista e un avvocato), l’applicazione del contributo richiede la determinazione della quota di compensi da assoggettare all’aliquota del 2% e quella a cui applicare la nuova aliquota.

Secondo le istruzioni fornite dalle rispettive Casse:

  • per i Dottori Commercialisti, il 4% va applicato a consuntivo, sulla quota di partecipazione agli utili effettivamente spettante al singolo professionista;
  • per i Ragionieri vale invece il principio di attualità, ovvero considerando la quota di partecipazione agli utili al momento della fatturazione.
  • Fonte:  www.seac.it