Altre Novità
18 Settembre 2009

Accertamento viziato da irregolarità procedurali: valido se il contribuente collabora

Scarica il pdf

Con Sentenza 23 luglio 2009, n. 17210, la Corte di Cassazione ha stabilito che l’accertamento viziato da irregolarità procedurali deve considerarsi valido nel caso in cui lo stesso contribuente controllato manifesti, anche non espressamente ma con comportamenti concludenti, la volontà di collaborare con l’Ufficio procedente per chiarire la propria posizione.

Secondo i giudici, infatti, la collaborazione del cittadino sottoposto a verifica supera qualsiasi questione sulla regolarità procedurale dell’attività di accertamento, in quanto la partecipazione del contribuente alle operazioni di verifica, compiuta senza muovere alcuna contestazione all’operato dei funzionari del fisco, equivale ad accettare il loro operato.

In tali casi, pertanto, sono pienamente utilizzabili, ai fini del controllo tributario, le risultanze scaturenti dall’accertamento “viziato”.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
24 Settembre 2021
L’oggetto sociale della start-up innovativa.

I requisiti richiesti dalla legge. Per ottenere la qualifica di start-up innovativa...

24 Settembre 2021
Immobili in corso di definizione: ammesso il Superbonus a certe condizioni.

Nuovi chiarimenti sull'applicazione del Superbonus. Il contribuente istante è...

24 Settembre 2021
Detassazione per contributi ed indennità per emergenza Coronavirus.

Il nuovo quesito affrontato dall'Agenzia delle Entrate riguarda il corretto trattamento...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto