Altre Novità
14 Aprile 2008

Accertamento fiscale valido anche se basato su elementi ritrovati al di fuori dell’azienda

Scarica il pdf

Con Sentenza 31 marzo 2008, n. 8255, la Corte di Cassazione si è espressa in materia di accertamento fiscale.

I giudici della Suprema Corte, accogliendo un ricorso dell’Amministrazione finanziaria, hanno stabilito che l’accertamento fiscale è legittimo anche qualora sia fondato su elementi probatori acquisiti al di fuori della sede aziendale.

Nella fattispecie, hanno concluso che anche la documentazione rintracciata su floppy disk ritrovati nell’abitazione di un ex direttore dell’impresa costituisce valida prova di evasione fiscale.

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto