Altre Novità
14 Giugno 2008

Accertamento fiscale sui conti bancari: Sentenza della Cassazione

Scarica il pdf

Con Sentenza 5 giugno 2008, n. 14847, la Corte di Cassazione ha affermato che è valido l’accertamento fiscale svolto dall’ufficio delle imposte sulla base dei dati raccolti in sede di accesso ai conti correnti del professionista.

Secondo i giudici, le somme che transitano sul conto bancario, anche se cointestato con il coniuge, sono da imputare all’attività di lavoro autonomo, compresi i passaggi di denaro (prelievi e versamenti) che il contribuente attribuisce a somme “affidatagli in amministrazione”.

Spetta pertanto al contribuente l’onere di provare che determinati accrediti non costituiscono proventi dell’attività svolta.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto