Interessi da ravvedimento: istituiti i codici tributo

0 Flares 0 Flares ×

Con Risoluzione 22 maggio 2007, n. 109, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo che dovranno essere utilizzati per l’esposizione, nel modello F24, degli interessi applicabili sugli importi dovuti per ravvedimento operoso (articolo 13, Decreto Legislativo 18 dicembre 1997, n. 472).

I nuovi codici tributo, da utilizzare quindi per il versamento dei soli interessi, sono i seguenti:

  • 1989 “, denominato “Interessi sul ravvedimento – IRPEF“;
  • 1990 “, denominato “Interessi sul ravvedimento – IRES“;
  • 1991 “, denominato “Interessi sul ravvedimento – IVA“;
  • 1992 “, denominato “Interessi sul ravvedimento – Imposte sostitutive“;
  • 1993 “, denominato “Interessi sul ravvedimento – IRAP“;
  • 1994 “, denominato “Interessi sul ravvedimento – Addizionale Regionale
  • 1995 “, denominato “Interessi sul ravvedimento – Addizionale Comunale“.

L’Amministrazione finanziaria precisa inoltre che:

le nuove modalità non si applicano per i versamenti di interessi sulle ritenute da parte dai sostituti d’imposta. Tali versamenti continueranno ad essere effettuati con il codice del tributo, cumulando quanto dovuto per interessi e dandone distinta indicazione nel quadro ST del modello 770.“.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×